25/03/2019 | 2050 articoli | 1469 commenti | 856 utenti iscritti | 5532 immagini | 21957711
login | registrati

Ultima iscrizione, Roberto E.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Marzo 2019
L M M G V S D
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Gilberto Giorgetti in data 06/08/2006
Storia
letto 15505 volte in 12 anni 7 mesi e 24 giorni (3,36)
Vecchiazzano fra Ottocento e Novecento - QUARTA PARTE

Suicidio di Aldo Pasini, detto “Mazaprit”
Aldo Pasini era un bracciante, nato a Rocca S. Casciano il 19 aprile 1909.
Da Brisighella, in provincia di Ravenna, si trasferì con la famiglia a Vecchiazzano, dove andò ad abitare in via Tomba, all’attuale numero civico 15.
Il soprannome Mazaprit gli derivò da un’azione vendicativa e sconsiderata di suo padre nei confronti di un sacerdote, qui di seguito narrata.
A quel tempo, la famiglia Pasini conduceva a mezzadria un podere a Rocca S. Casciano e programmò di trasferirsi in un podere nei pressi di Dovadola, che era sprovvisto di mezzadro. Il proprietario, com’era consuetudine a quei tempi, andò a chiedere informazioni al parroco, il quale diede notizie negative in proposito.
Il padre, di Aldo, venuto a conoscenza del motivo della mancata assegnazione del podere, una domenica mattina si armò di fucile, nascose l’arma sotto la cappa o capparella e andò in chiesa per assistere alla messa. Alla fine della funzione, quando il sacerdote si girò per la benedizione ai fedeli, il Pasini gli sparò, ferendolo ad un braccio. Aldo Pasini era un giovane, appassionato di caccia, sensibile ed introverso, che stava sicuramente attraversando un momento di forte crisi esistenziale.
Il 22 marzo 1931, come tante altre mattine, prese il fucile, le cartucce e s’incamminò attraverso i campi in direzione delle colline. Quando fu ai confini dei poderi Zanêta e Sintël, in prossimità di un ponticello che attraversa un fosso, chissà per quale tormento interiore o disperazione, girò l’arma contro se stesso e sparò.

Il giorno 23 agosto 1931, alle ore 10,00, prendeva possesso della parrocchia di Vecchiazzano don Biagio Fabbri. Era nato a S. Martino in Villafranca il 27 aprile 1902 ed aveva compiuto gli studi nei Seminari di Forlì e Bologna. Don Biagio era stato ordinato sacerdote il 21 marzo 1926 e nello stesso anno era stato nominato parroco a Malmissole.
Nelle parrocchie di Malmissole e di Vecchiazzano scrisse alcuni diari, che nel maggio del 1997 sono stati pubblicati, a cura di Salvatore Gioiello, in un interessante volume dal titolo “Don Biagio Fabbri - un uomo, un prete, un testimone”.
Per motivi di salute, don Biagio rinunciò alla parrocchia di Vecchiazzano nel 1978 e si ritirò in Santa Maria Ausiliatrice alla Cava, presso don Domenico Ghetti che era già stato suo parrocchiano. Qui continuò il ministero sacerdotale fino al 2 maggio 1987, giorno della sua morte.
Di carattere umile, ma ricco di spirito apostolico, don Biagio agì sempre in piena libertà e nel rispetto degli altri, per questi motivi, anche in una frazione prevalentemente dichiarata atea come Vecchiazzano, è stato benvoluto da tutti.

Nel 1930, per la costruzione a Forlì di un nuovo sanatorio, fu individuata a Vecchiazzano la zona alla confluenza dei fiumi Rabbi e Montone.
Nel novembre del 1932, i mezzadri di questa zona dovettero abbandonare i poderi perché passati di proprietà della Cassa Nazionale delle Assicurazioni, che li condusse direttamente per mezzo di boari. Nell’estate del 1931, iniziarono gli scavi per le fondamenta del primo padiglione del sanatorio.

Nel 1930, il comune di Forlì delibera che in tutte le parrocchie sia messo il telefono e così, nel 1931, anche Vecchiazzano gode dell’importante servizio pubblico installato al centro del paese, vicino alla chiesa, nello spaccio di Olindo Casadei.
A Forlì il telefono arrivò nel 1907 per mezzo della STF (Società Telefoni di Romagna), istituita da Fornari & Diotallevi di Rimini. Il primo direttore fu Giovanni Gori (1857-1930) e la sede era ubicata in piazza Saffi nel palazzo Zoli, ora conosciuto come sede del “Credito Romagnolo”.

Il 22 aprile 1933 a Vecchiazzano fu erogata la luce elettrica oltre le vecchie scuole elementari. Fino ad allora le case erano illuminate a candela o lume a petrolio. A Forlì l’illuminazione elettrica si diffuse nel 1908, con solo 30 utenti. L’energia era generata dal mulino di Ravaldino, detto Faliceto.
La prima illuminazione pubblica della città risaliva al 1845 ed era generata da 90 lanterne alimentate da olio d’oliva, che in seguito giunsero al numero di 120.
Nel 1933 a Vecchiazzano, accanto allo spaccio, venne aperta anche una “beccheria”.
Nel 1934 il fornaio di Vecchiazzano iniziò a cuocere, giornalmente, il pane e a metterlo in vendita. In campagna e specie nelle case coloniche il pane veniva cotto una o due volte la settimana, nei forni adiacenti alle case stesse. Gli altri servizi pubblici giunsero a Vecchiazzano con molto ritardo rispetto alla vicina Forlì.
Negli anni 1964/65 l’acqua e il gas vengono allacciati al “Villaggio nuovo”, costruito nel podere Cióca e, in parte in quello Sbaràia; nel 1974 il servizio viene ampliato in via Veclezio fino a casa Pêl, in via Castel Latino fino a casa Tapêd e in via Tomba fino alla fornace. Nel 1978/79 l’allacciamento supera casa Pêl e case Caplêt, verso Ladino.
A Forlì il gas pubblico venne erogato, per la prima volta, nel 1862 dalla fabbrica “Forlanini”. L’erogazione dell’acqua risale, invece, al 1905 con la costruzione dell’acquedotto comunale di Ravaldino. Prima l’acqua si attingeva dai pozzi, che erano ubicati in ogni abitazione.
Il servizio della nettezza urbana è stato portato a Vecchiazzano negli anni 1974/79 con due grandi cassonetti per l’immondizia. Prima esistevano due buche per il letame, che gli spazzini periodicamente svuotavano col badile. Solo agli inizi del 1980 il servizio è stato regolamentato come in città.
A Forlì la “Ricezione immondizia” ebbe inizio nel 1935. Prima ogni abitazione aveva la propria buca dei rifiuti, che veniva svuotata periodicamente.
(Da una testimonianza verbale di Viscardo Milandri)

Nell’estate del 1935, Mussolini visita i lavori per la costruzione dei padiglioni del sanatorio di Vecchiazzano.
Il 24 ottobre 1936, lo spaccio dei generi alimentari e il sale e tabacchi vengono trasferiti nella nuova casa che Olindo Casadei ha fatto costruire di fronte alla precedente. La vecchia casa, sempre di sua proprietà, era ad angolo col piazzale della chiesa.
L’8 novembre 1937 viene inaugurato da Rachele Guidi Mussolini il primo padiglione del centro sanatoriale.
Il 26 ottobre 1938, la regina imperatrice Elena di Montenegro visita a Forlì la mostra di “Melozzo e il quattrocento romagnolo”. Nell’occasione si reca anche presso il nuovo sanatorio di Vecchiazzano.
Il 28 dicembre 1938, Mussolini inaugura il villaggio di Caiossi, dedicato ad “Alessandro Mussolini”, padre di Benito.
Dopo la cerimonia, Mussolini visita anche il sanatorio e intrattenendosi con Adelmo Zanetti, segretario del partito fascista di Vecchiazzano, dà disposizioni a Sebastiani, segretario personale del Duce, di dare centomila lire per la ristrutturazione della “casa del fascio” e mille lire per le persone più indigenti della comunità.
Il primo segretario fascista di Vecchiazzano fu Ercole Santucci, che mantenne la carica fino al 1936, poi subentrò Adelmo Zanetti e per ultimo, come commissario straordinario, ricevette l’incarico Mario Russomano. Nelle foto - Benito Mussolini visita i lavori del Sanatorio di Vecchiazzano (1935). Il primo padiglione per adulti del centro sanatoriale fu inaugurato l'8 novembre del 1937. Il complesso ospedaliero era stato iniziato nel 1932, così come il palazzo delle Poste e Telecomunicazioni e i due edifici detti "i gemelli", siti all'inizio dell'attuale corso della Repubblica, dove c'era l'antica Porta Cotogni.

8 novembre 1937 - Rachele Guidi Mussolini inaugura il primo padiglione del Sanatorio di Vecchiazzano.

Guarda il filmato luce
Cliccato 13129 volte
Clicca per vedere il video

Cliccato 13129 volte

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da Marisa Zanetti in data 17/10/2007 20:45:45
Sono la figlia di Adelmo Zanetti e confermo il contenuto dell’articolo a proposito del Sanatorio di Vecchiazzano.
Io ero piccola allora ma ricordo che mio padre, essendo stato un promotore dell’opera, era convinto e deciso a portare a termine la costruzione del Sanatorio, pensando anche ai benefici che la zona di Vecchiazzano ne avrebbe tratto.


Sono in possesso di questa foto, in cui figura mio padre (terzo da sinistra) di fronte a Mussolini. Penso si tratti della inaugurazione del Sanatorio.

MARISA ZANETTI


Commento inserito da Gilberto Giorgetti in data 24/10/2007 20:45:45
Signora Zanetti, la foto da lei inviata è bellissima. In primo piano coi baffi si vede il federale di Forlì Teodorani Fabbri, ma non credo si tratti dell'inaugurazione ufficiale poichè è accertato che fu fatta da donna Rachele Mussolini in assenza del marito.
La saluto Giorgetti


Commento inserito da Roberto Brunelli in data 28/03/2008 20:45:45
Ulteriore precisazione sui commenti della Sig. Zanetti e Sig. Giorgetti.
Sull’ opuscolo “I Beni della salute” edito dall’Azienda U.S.L. di Forlì si legge che:” il Padiglione Adulti fu inaugurato il 28 ottobre 1929 da Donna Rachele Mussolini ”.
Mentre sempre su tale pubblicazione si legge:” I padiglione completati furono ufficialmente inaugurati il 25 luglio 1939 da Benito Mussolini, alcuni giorni prima del suo cinquantaseiesimo genetliaco, guidato nella “minuziosa visita “ dal Ministro Lantini.
Vedere anche la pagina web: http://www.vecchiazzano.it/pagine/pagina_articolo.asp?pagina=440&sezione=Storia
Un triste aneddoto poi, il nuovo Ospedale di Forlì ( il “vecchio ” Morgagni” ) si aprì invece al pubblico senza cerimonia d’inaugurazione il 23 Maggio 1915 alcuni giorni dopo la dichiarazione di guerra tra Italia ed Austria.



Commento inserito da Gilberto Giorgetti in data 28/03/2008 20:45:45
Caro Brunelli, preciso che Mussolini visitò il sanatorio prima e dopo l'inaugurazione, che fu fatta ufficialmente da donna Rachele come documenta e precisa il cronista nel filmato LUCE qui allegato.
Gilberto


commenta questo articolo
Articoli con il medesimo argomento
inserito da Gilberto Giorgetti in data 05/08/2006 "Storia"
letto 8315 volte
leggi articoloUn contadino di Vecchiazzano nella banda del “Passatore” Nel II sec. d.C. la Chiesa assunse “principalità” e dopo continue dispute con l’Impero, si affermò sotto papa Nicolò I (858-867), preludendo così alla teocrazia. Le lotte fra l’Imperatore e il Papa passarono, negli ultimi secoli, attraverso l...

inserito da Gilberto Giorgetti in data 05/08/2006 "Storia"
letto 6177 volte
leggi articoloMentre a Vecchiazzano avvenivano le uccisioni di Aldo Sgarzani, Adolfo Boni e l’aggressione ad Olindo Casadei l’Italia si avviava verso l’espansione colonialistica, favorita dalla conversione al colonialismo del cancelliere tedesco Bismarck e dall’atteggiamento benevolo dell’Inghilterra, con la qual...

inserito da Gilberto Giorgetti in data 06/08/2006 "Storia"
letto 6096 volte
leggi articoloDon Brunaccini era sempre parroco a Vecchiazzano, quando il 23 marzo 1919, a Milano in piazza S. Sepolcro, il quadrunvirato Mussolini, Balbo, De Vecchi e De Bono fondarono i fasci di combattimento. Con questo evento si incrementarono le lotte politiche e le prime provocazioni. Il 27 dicembre 1920, ...

inserito da Gilberto Giorgetti in data 06/08/2006 "Storia"
letto 6078 volte
leggi articoloNel maggio del 1944, la nuova chiesa di Vecchiazzano, ancora in fase di completamento, venne requisita dal comune di Forlì per trasferirvi una parte della biblioteca pubblica.Venerdì 19 maggio 1944, alle ore 10 circa, Forlì subì il primo bombardamento aereo degli alleati....

inserito da Gilberto Giorgetti in data 06/08/2006 "Storia"
letto 7517 volte
leggi articoloSilvio Corbari e Iris Versari in casa Sbaraglia a Vecchiazzano Erano circa le ore 13,30 di sabato 12 agosto 1944, quando suonò improvvisamente l’allarme. A Vecchiazzano la famiglia Sbaraglia aveva appena terminato di pranzare, quando al suono della sirena, Giovanni Sbaraglia, suo figlio Bruno e la ...

inserito da Gilberto Giorgetti in data 06/08/2006 "Storia"
letto 7698 volte
leggi articoloIl giorno 14 agosto 1944 scoppiò una bomba nascosta in una bica a Ladino e rimasero feriti due contadini del luogo e Giuseppe Erani, detto Caplêt. Nel cimitero di Castrocaro Terme, nello stesso giorno venne fucilato il marchese Raniero Paulucci di Calboli insieme ad alcuni partigiani. Il venerdì 25...

inserito da Gilberto Giorgetti in data 06/08/2006 3 commenti "Storia"
letto 10570 volte
leggi articoloNell’ultima casa di Vecchiazzano, lungo la via Veclezio al n°68, abitava la famiglia Verità. Quando venne l’ordine di sfollare, Giulio Verità, sua moglie e le figlie andarono in casa della famiglia Benedetti, detta casa Mônt o Canèra , in via Tomba al n°...

inserito da Andrea Gorini in data 24/02/2009 1 commento "Storia"
letto 10947 volte
Articolo con Video leggi articoloIl 13° corpo britannico di riserva in Toscana si era mosso con la 6° divisione corazzata lungo l’asse Dicomano –Forlì e la 1° di fanteria lungo l’asse San Lorenzo Faenza al centro l’ottava divisione indiana con canadesi della 1° brigata corazzata, ma i ...

inserito da Andrea Gorini in data 04/11/2010 1 commento "Storia"
letto 11118 volte
leggi articoloComplesso Sanatoriale IX maggio di Vecchiazzano, immagini del Sanatorio datate 30 dicembre 1938. Padiglione XXI Aprile, detto "dei bambini" Padiglione 23 Marzo, detto "degli adulti" L'acquedotto del sanatorio È il 30 dicembre 1938, Mussolini visita gli ospiti in cura al sanatori...

inserito da Maria Antonietta Fregnani in data 22/01/2019 "Storia"
letto 140 volte
 L'eccidio di Vecchiazzano, 9 civili uccisi dai tedeschi e poi gettati in un pozzo, circa sessant'anni dopo ......   Anche io mi ero emozionata quel giorno. È successo qualche anno fa. Prima mi aveva accompagnata a vedere la via intestata a suo padre, poi eravamo andati a vedere ...

PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su