06/12/2019 | 2103 articoli | 1479 commenti | 871 utenti iscritti | 5692 immagini | 23726994
login | registrati

Ultima iscrizione, SARA R.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Dicembre 2019
L M M G V S D
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

- - - - - - -

Articolo inserito da Gabriele Zelli in data 28/10/2008
Info a Vecchiazzano
letto 9772 volte in 11 anni 1 mesi e 11 giorni (2,41)
Il Ponte Vecchio di Vecchiazzano - Cenni storici

Il vecchio ponte sul fiume Rabbi appartiene a quei tanti “ponti minori” che caratterizzano la distribuzione del territorio in Romagna, che furono costruiti soprattutto in periodo medievale, per congiungere, consentendo il passaggio dei viandanti ed il trasporto dei prodotti della terra, i borghi fra loro e/o con le città.

Questo ponte è, al presente, il più antico tra i ponti ancora in uso nel territorio comunale di Forlì.

“E' inserito in una pregevole situazione paesaggistica, si trova in area golenale e pedecollinare, in un contesto di campi ed argini con boscaglie, al centro di un ben conservato e suggestivo viale di platani che ne fanno un opera non solo di alto valore artistico ma anche di alto valore ambientale” (Gian Luca Brusi).

Costituisce, assieme alla vicina Villa Gesuita, una delle poche tracce antiche rimaste del Quartiere di Ca' Ossi. È situato in un punto strategico della viabilità ciclopedonale di Forlì: è a ridosso del Parco Urbano, è vicino all'Ospedale cittadino e si trova in una zona priva di traffico veicolare urbano.

La prima testimonianza storica relativa ad un passaggio di attraversamento del fiume Rabbi per il collegamento fra Forlì e l'antico insediamento di Vecchiazzano la si trova nel Libro Biscia di San Mercuriale datato 25 luglio 1196 in cui si parla di una “clausura integra (fatta dagli Ordelaffi) in capite pontis Veclaçani.”, realizzata nel plebato di San Martino in Strada di cui si hanno notizie a far data dal 1160.

Questo ponte non compare nell'elenco dei ponti principali di Forlì riportato nello Statuto del 1359 dove, a ragion del vero, vengono citati solo quelli presenti sui grandi assi di collegamento e cioè: i ponti di Schiavonia e del Ronco (Via Emilia), di Bagnolo (via Cervese), il Pons Rupte (Fiorentina della valle del Montone, che è andato perduto) ed il ponte di Calanco a San Lorenzo in Noceto (via Fiorentina della valle del Rabbi).

Probabilmente il ponte ha una sua importanza non tanto per il collegamento con la “villa” di Vecchiazzano, quanto per la presenza in Vecchiazzano di “vignali”, zone intensive a vigneti con la necessità di un facile trasporto su carri dell'uva vendemmiata (forse anche provenienti dalla Selva di Ladino).

Giovanni di Mastro Pedrino lo ricorda nella prima metà del '400: “Nel giugno 1433 il ponte è guasto per i danni subiti in seguito alla piena fluviale da pioggia, (risultavano danneggiati anche quello di Schiavonia e la chiuxa da Feragano). Nell'ottobre 1443 ne è iniziata la ricostruzione, la prima pietra la mise Giovanni di Mastro Pedrino, Antonio Ordelaffi ebbe da Ravenna il legname ed il Comune vi mise le ferramenta. Il ponte fu ultimato nel settembre 1444. Nello stesso periodo vengono ultimati anche i ponti di Porta Schiavonia e Bagnolo (iniziati entrambi nel 1442)”.

Altre notizie del ponte di Vecchiazzano le fornisce il Cronista Novacula nel 1484. Si trovano figure rappresentative nel Catasto Gregoriano che risalgono al 1811-1816.

Il progetto del ponte nello stato attuale, di cui si conserva copia autentica nella sede del Comune di Forlì, è redatto nel 1860, dall'Ing. Giulio Zambianchi (1817-1886), di cultura neoclassica purista con influssi veneti, autore di numerosi interventi di pregio fra cui: la sede della Provincia in via delle Torri 13, la Cattedrale, la caserma dei Carabinieri al Carmine, la Chiesa della Madonna del Lago, la ristrutturazione di Villa Norina a Bertinoro e della Chiesa di San Rocco.

Nell'Archivio Storico di Forlì si trova la documentazione relativa ad uno stanziamento di £. 1.000 per le riparazioni alla spalla del ponte di Vecchiazzano datata 29 luglio 1865 e successivamente, il 30 settembre del 1866, si trova la richiesta di un nuovo sopralluogo da effettuarsi presso lo stesso ponte per verificare le condizioni della prima pila alla destra del ponte, danneggiata dall'ultima piena.

In “Note Scavi 1884” si trova la notizia del ritrovamento di un antico sepolcreto” tredici tombe più una buca dove non si trovò che cenere”, venute alla luce durante “l'apertura di una trincea per fare la strada detta di congiunzione fra i due fiumi, presso al ponte di Vecchiazzano”. Non si conosce l'esatta posizione del ritrovamento ma nella nota dell'epoca si specifica che detto sepolcreto accenna ad estendersi nel territorio dell'Avv. Camillo Mazzoni. Consultando presso l'Archivio di Stato il Catastino Impianti di Forlì n. 41 del Catasto Pontificio si sono individuati i terreni di proprietà di Mazzoni, posti sulla riva sinistra del fiume, che permettono di fare ipotesi più precise circa la possibile ubicazione del luogo. I reperti ritrovati, risalgono all'epoca Teodoriciana e sono attualmente conservati nel Museo Archeologico di Forlì.

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da Viscardo Milandri in data 13/11/2008 20:45:46

ho trovato questo acquerello che ritrae il ponte vecchio di Vecchiazzano prima dell'ultimo restauro , nel libro di  sonetti  in dialetto di Forlì   "senza pil int la lengua"  (senza peli sulla lingua)    dell'artista e poeta forlivese  A.CASAMURATA

Se ricordo bene A.Casamurata è stato anche amministratore del comune di Forlì (assessore alla cultura?)




Commento inserito da Gabriele Zelli in data 28/11/2008 20:45:46

A proposito della bella immagine del vecchio ponte di Vecchiazzano inserita da Viscardo Milandri faccio presente che è, come giustamente riportato, un acquerello dell’artista Arrigo Casamurata. Preciso però che l’interessato non è da confondere con Libero Casamurata, lui sì Assessore del Comune di Forlì negli anni settanta, scomparso diversi anni or sono.

A proposito di Arrigo segnalo che esporrà le sue opere nel corso di una mostra che verrà allestita dal 29 novembre al 20 dicembre 2008 presso la Galleria Farneti di Forlì (via degli Orgogliosi n. 7). Gran parte di esse rappresentano luoghi del nostro territorio. Per questo e per la bravura del pittore sono particolarmente suggestive.

Gabriele Zelli




Commento inserito da Pino Casadei in data 27/02/2009 20:45:46

E’ PONT VECC ‘D  AVCIAZAN
(Sonetto di ARRIGO CASAMURATA)

Quand  che e’ bulor dl’instè u-s atacheva
i pén adoss; la fiaca andè lutu’-
lutu’, com’imbarieg, la-s custrinzeva,
u-n s’armanzeva che scapè  int e’ fiu’.

L’era e nostar mer , sicur! e, ilè, u-s pareva
ch’ u-n esistess inciùn  piò sgnor che nu’
In fond, dal difarenzi u-n s’in fasèva,
quand ch’a segna nud ned: senza bragù.

Sot e’ pont ch’e’ purteva ad Avciazan,
in cl’acva ch’la-s cuieva cun ‘na  zesta,
u j era sol bagnent: tot de stes pian.

E s’e’ gvardeva in zò un siminaresta,
nud e sfazè, ai rugema da luntan:
-Ciud j òcc, ciud j òcc:ch’ut po’ andè vi la vesta!-


IL VECCHIO PONTE DI VECCHIAZZANO

Quando l’afa estiva ci appiccicava
i panni addosso ; la fiacca procedere lemme-
lemme, come ubriachi, ci costringeva,
non ci restava che correre al fiume.

Era il nostro mare, certo!e, lì, ci sembrava
che non esistesse nessuno più ricco di noi.
In fondo non c’era nessuna differenza
dal momento che eravamo tutti nudi.

Sotto al ponte che portava a Vecchiazzano,
in quell’acqua che si poteva cogliere con un cesto,
esistevano solo bagnanti e tutti dello stesso livello.

E se guardava in giù (dal ponte) un seminarista (un pudico),
nudi e sfacciati , gli gridavamo da lontano:
-Chiudi gli occhi, chiudi gli occhi. Che potresti perdere la vista!-


              ___________________________________________________

Tratto dalla raccolta “ SENZA  PIL  INT  LA  LENGVA” (Senza peli sulla lingua)




commenta questo articolo
Articoli con il medesimo argomento
inserito da Andrea Gorini in data 27/06/2006 5 commenti "Storia"
letto 22139 volte
leggi articoloBombardato il 9 novembre 1944 ma mai crollato e ripristinato nel dopoguerra. Inizio dell'ultima ristrutturazione nell'anno 2005. Durante la ristrutturazione i lavori sono stati fermati per diverso tempo a causa del ritrovo nel letto del fiume, di bombe inesplose dell'ultima guerra mondiale. ...

inserito da Andrea Gorini in data 11/07/2006 1 commento "Il paese"
letto 16178 volte
leggi articoloAppena fuori Forlì, attraversando il fiume Rabbi dal "ponte vecchio" verso sud, in direzione Firenze.Vecchiazzano è cresciuto su una unica strada, Via Castel Latino, lunga e tortuosa con poche case ai lati, attraversava Ladino ed arrivava nelle vicinanze di Terra del Sole costeggiando ...

inserito da Andrea Gorini in data 24/07/2006 "Storia"
letto 8858 volte
leggi articoloSabato 25 marzo 2006, a partire dalle ore 15, presente il Sindaco di Forlì Nadia Masini, riaprirà al traffico ciclopedonale il ponte vecchio di Vecchiazzano. Subito dopo il Sindaco incontrerà i cittadini nel teatro della parrocchia in Via Veclezio 13A. Il ponte sulla via Ponte Rabbi, il più ant...

inserito da Gilberto Giorgetti in data 03/08/2006 5 commenti "Storia"
letto 9843 volte
leggi articoloIl Ponte di Vecchiazzano sul fiume Rabbi Nel Libro Biscia, in un atto del 25 luglio del 1196, si ha memoria del ponte di Vecchiazzano. Giovanni di mastro Pedrino, Vol. I - pag. 404, annota che questa costruzione nei primi di giugno del 1433 venne travolta da una fiumana. Nel 1445 per mano di Mastr...

inserito da Giorgio Giorgini in data 03/02/2008 3 commenti "Consigli al paese"
letto 5708 volte
Il vecchio ponte sul fiume Rabbi,è diventato sicuramente una bellissima struttura, ma purtroppo qualche incosciente ha già cominciato a deturparla, staccando arte i un pilone in pierta, che inizialmete era stata lasciata a terra vicino i paraptto, pio siccome nessuno si è occupa...

inserito da Andrea Gorini in data 09/01/2009 "Il paese"
letto 7717 volte
leggi articoloUn'altra immagine suggestiva del ponte vecchio in un periodo invernale. ...

inserito da Andrea Gorini in data 24/11/2010 "Cartoline"
letto 14738 volte
leggi articoloUna bellissima immagine-ricordo di un periodo lontano quasi 100 anni Agosto 1914, gita sotto il ponte vecchio di Vecchiazzano...

inserito da Andrea Gorini in data 06/10/2017 "Storia"
letto 2387 volte
leggi articolo  Il ponte sul Rabbi e la via Del Partigiano sono realizzazioni recenti, ma l’attraversamento del tratto fluviale in quel lembo di territorio forlivese è raccontato già da antichi documenti. E’ quello a cui oggi si accede da via Ponte Rabbi. Si parla di un ...

PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su