17/05/2022 | 2250 articoli | 1560 commenti | 918 utenti iscritti | 6155 immagini | 33518721
login | registrati

Ultima iscrizione, Adriana  V.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti
63
25
16
145
11
63
16
22
7
4
2
354
192
57
25
21
29
9
81
25
20
146
348
5
25
3
5
2
102
6
9
20
12
12
38
52
114
2
18

Dicembre 2021
L M M G V S D
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Andrea Gorini in data 12/11/2021
Il paese
tratto da un articolo di Gabriele Zelli
letto 321 volte in 6 mesi e 6 giorni (1,73)
La chiusa di Ladino

La chiusa di Ladino: ancora oggi al servizio del canale dei Romiti

Foto di Gabriele Zelli

Fra tutte le derivazioni realizzate nel corso dei secoli per fornire energia ai molini lungo il corso dei nostri corsi d’acqua, diverse sono tuttora esistenti. Quella di Ladino è posta più a valle di tutte le altre ed è quella di maggior lunghezza misurando sei chilometri dalla chiusa ai Romiti dove il canale si congiunge nuovamente con il fiume, dopo aver costeggiato la via Firenze per gran parte del tragitto. 

La chiusa, la derivazione e il relativo canale vennero realizzati in un periodo imprecisato per alimentare i molini che operavano nel tratto compreso tra San Varano e i Romiti. 

Le prime notizie sull’esistenza della chiusa di Ladino (detta anche di San Martino) risalgono al dicembre 1436 quando il comandante del presidio di Castrocaro si accorse, durante un’ispezione al confine con il territorio di Forlì che parte della chiusa della Faragana era stata costruita su terreno appartenente alla giurisdizione castrocarese e ne ordinò la demolizione. I mulini non poterono più macinare e i forlivesi reclamarono senza successo la ricostruzione del manufatto a spese della Repubblica Fiorentina.

Da una ricerca effettuata nel 2002 da Vito Werther Vitali per conto della Pro Loco di Terra del Sole si apprende che il 21 settembre 1442 Antonio Ordelaffi, signore di Forlì, accompagnato da alcuni capi della magistratura della città, si incontrò in località Faragana, sul confine, con il commissario Capitano Jacopo Ventura per concordare la costruzione di un nuovo sbarramento onde poter rientrodurre l’acqua nel canale. L’atto di esecuzione fu stipulato di fronte al notaio ser Bartolomeo degli Orsi e il 13 ottobre dello stesso anno furono iniziati i lavori da Matteo Stefani di Pavia. I patti del contratto prevedevano fra l’altro che la comunità di Forlì dovesse pagare a quella di Castrocaro lire dodici e una quantità di cera nuova per la celebrazione della festa di San Nicola di Bari, patrono del Castello e del borgo. 

In diverse occasioni furono necessari importanti lavori di sistemazione della chiusa. In particolare i cronisti del Quattrocento hanno riportato informazioni su questi eventi, come nel 1461 quando il fiume allagò il rione di Schiavonia e fra i danni da riparare ci furono anche quelli alla chiusa di San Martino, come ebbe modo di evidenziare Giovanni di Mastro Pedrino (1390 – 1465) sulla sua “Cronica”, avendo partecipato ai lavori del Consiglio degli anziani, in quanto ne era componente, che deliberò i provvedimenti da attuare.  

Il 7 novembre 1483 la chiusa, già danneggiata dal terremoto che si era verificato nella notte del lunedì 11 agosto precedente, fu asportata da una piena del fiume e poi ricostruita. Fu nuovamente danneggiata il 1° settembre 1487 da un’altra piena conseguente a piogge torrenziali e anche in questo caso prontamente rimessa a nuovo per poter continuare a servire i molini denominati Serraglio, Torello, Ponte e Molinello. 

 

Il 29 gennaio 1919 la Cartiera Romagnola, subentrata nella proprietà all’Unione dei Molini di Ravaldino denunciò la cessazione dell’attività di gran parte dei molini e chiese di poter utilizzare la derivazione per la produzione di energia elettrica sfruttando la forza che l’acqua acquisiva dal punto, in zona Romiti all’altezza della curva dei Rosetti (un tempo il punto era molto noto perché vi si verificavano purtroppo diversi e gravi incidenti stradali), in cui il canale si distacca dalla strada e scende verso il fiume attraverso un breve ma accentuato dislivello. 

L’attività molitoria è continuata solo per il molino di San Varano (Gualchiera) che ha utilizzato l’acqua del canale fino al 1996, anno di cessazione dell’esercizio.
Oggi la chiusa di Ladino è una costruzione in calcestruzzo con le spalle in muratura di mattoni ed ha un arco superiore lungo 66 metri che genera un dislivello del pelo dell’acqua di 9 metri.
Nei pressi è stata realizzato un piccolo impianto per la produzione di energia elettrica. 

Negli anni ’50 e ’60 l’ampio spazio che si è creato di fronte alla chiusa e il relativo specchio d’acqua erano meta nei mesi estivi di molte comitive che qui si ritrovavano per prendere il sole e fare il bagno. Oggi nessuno osa più bagnarsi, anche in considerazione della scarsa qualità dell’acqua, ma nei pressi di tanto in tanto si vedono pescatori che pazientemente aspettano che qualche pesce abbocchi e qualche camminatore che si ferma per prendere fiato e per ammirare un luogo sicuramente interessante e anche suggestivo. 

video esterno
Cliccato 256 volte
Clicca per vedere il video

Cliccato 256 volte

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da Andrea Gorini in data 22/11/2021 14:41:56
www.vecchiazzano.it.it/p.asp?p=2344&i=1702

 

Altre foto della Chiusa di Ladino dall'alto. 

 La Chiusa da sopra. 

Da qui parte il canale che costeggerà via Firenze. 

 

   (Grazie a Lorenzo per le foto)




Commento inserito da Andrea Gorini in data 28/11/2021 08:29:59
www.vecchiazzano.it.it/p.asp?p=2344&i=1703



Parco Urbano Forlì - Terra del Sole.
(Parco fluviale del Montone)
Dalla chiusa di Ladino passa il percorso, per la maggior parte sterrato, che segue il fiume Montone, 

Clicca per ingrandire

Distanza 8,73 km

Dislivello positivo 104 m

Difficoltà tecnica Facile

Dislivello negativo 49 m

Altitudine massima 108 m

Altitudine minima 29 m

Tempo 2 ore 25 minuti




commenta questo articolo
PENCIL ©
Copyright 2006-2022
TUTTI I DIRITTI RISERVATI