24/06/2021 | 2199 articoli | 1534 commenti | 902 utenti iscritti | 6003 immagini | 29157434
login | registrati

Ultima iscrizione, Sirio Nadir T.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Giugno 2021
L M M G V S D
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

- - - - - - -

Articolo inserito da Saverio Ruggeri in data 11/03/2021
Aneddoti
tratto da Caffe' Ippocrate Di Salvatore Giannella
letto 271 volte in 3 mesi e 15 giorni (2,58)
Piccola storia di Zambute'

 Zambutè, nome d’arte di Augusto Rotondi.

 

Nasce a Bagnacavallo nel 1868 ed eredita la pratica di guaritore dal padre, già affermatosi a Forlì. Compra una casa in Via Ravegnana, presso la chiesa di S. Maria in Fiore. Arguto e generoso, curava i poveri il lunedì e il venerdì, chiedendo onorari modesti o addirittura gratuitamente. In compenso riceveva ora un coniglio, ora delle uova, insomma munizioni da bocca.

Queste caratteristiche lo rendevano amato da molti forlivesi che arrivavano nel suo “ambulatorio” e che non poteva permettersi di rivolgersi a un medico. L’essere privo del brevetto governativo gli causò blandi problemi giudiziari: nel 1904 il tribunale lo condannò a 500 lire di multa. Era difeso, nientemeno, dal sindaco di Forlì Giuseppe Bellini, avvocato e futuro senatore del Regno. Clienti, anche illustri, non mancarono. Tra questi, con grande clamore pubblico, recuperò la salute la moglie del chirurgo Sante Solieri, primario dell’ospedale Morgagni e anche Rachele Guidi, diventata poi moglie di Benito Mussolini. Per questo, pur non essendo fascista, fu considerato di casa alla Rocca delle Caminate dove soleva recarsi a trovare i Mussolini con la sua motocicletta Guzzi, regalatagli da uno dei clienti più facoltosi. Il terribile bombardamento del 1944, che portò  distruzione e lutti in tutta Forlì, danneggiò gravemente la casa dove abitava. Sarebbe stato troppo costoso per lui rimetterla in sesto e Zambutè decise di venderla. Si riservò una  stanza.

Quando mori, il 26 marzo 1950, il manifesto composto da Adler Raffaelli e il necrologio di A.P. Piraccini pubblicato sul Pensiero Romagnolo ci dicono di un uomo buono, generoso come un romagnolo antico, benefattore dei poveri e anche “signore della generosità verso i sofferenti: Hai lavorato, povero operaio dell’umanità, fino in fondo nel tuo laboratorio di dottore di tutti, per tutti, per niente”. Si spense in assoluta povertà e dietro al suo feretro sfilarono praticamente tutti i forlivesi. Ad Augusto Rotondi, per gli amici Zambutè, il Comune di Forlì ha dedicato una via. ()

 

 

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2021
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su