08/12/2022 | 2291 articoli | 1575 commenti | 930 utenti iscritti | 6261 immagini | 37811384
login | registrati

Ultima iscrizione, Ilic B.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti
66
25
17
152
11
64
16
22
7
4
2
361
199
57
25
21
29
9
85
25
21
150
353
5
25
3
5
2
102
6
9
20
12
12
38
53
115
4
19

Dicembre 2022
L M M G V S D
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Saverio Ruggeri in data 22/11/2020
Aneddoti
tratto da salvatore giannella
letto 3476 volte in 2 anni 0 mesi e 16 giorni (4,66)
Le misure di contenimento a Forlì all'epoca della epidemia di febbre gialla

EPIDEMIA A FORLI

Immaginate di spostarvi, con una ideale macchina del tempo, nell’agosto del 1804: dal bastimento “Anna Maria Toletana”, arrivato dalla spagnola Cadice nel porto di Livorno, sbarca l’equipaggio. È affetto per intero da febbre gialla. Nonostante l’allarme del medico fiorentino di chiara fama Gaetano Polloni, l’epidemia dilaga nell’Italia centrale. A Forlì viene istituita un ristretto Commissione speciale di Sanità composta, per citare personaggi storicamente conosciuti, dai conti Giuseppe Mangelli e Antonio Colombani. Per primo fu deciso, racconta un documento conservato nell’Archivio di Stato e reso noto dallo storico forlivese Gabriele Zelli, che le mura della città fossero controllate di continuo da un “cordone di probi cittadini e chiunque tentasse d’eludere questo cordone con intromissione di persona, di bestia e di robbe, nell’istante è riconosciuto reo di attentato alla pubblica salute”.
In ogni Porta della Città furono designati “due Deputati di Sanità incaricati dell’osservanza di tutte le discipline e regolamenti di Sanità e di Polizia” I responsabili di questo servizio dovevano intimare a chiunque si presentasse per accedere in centro di “fermarsi alla distanza di cinque piedi; e col mezzo di una canna di detta lunghezza” ricevevano “la carta di sicurezza e la Fede di Sanità”. Infine chiunque usciva a piedi o a cavallo doveva denunciare al Deputato della Porta il luogo dove si portava e al ritorno doveva farsi riconoscere. Solo le quattro porte principali restavano aperte ma dopo le 20.00 non era consentito l’ingresso ad alcuno fuorché ai corrieri, staffette, espressi di Governo, e delle autorità sanatorie o militari”. Insomma, detto con parole odierne: Comitato tecnico-scientifico, distanziamento sociale, autocertificazione per gli spostamenti, passaporto sanitario, coprifuoco…

 

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2022
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su