11/08/2022 | 2267 articoli | 1570 commenti | 920 utenti iscritti | 6201 immagini | 35897327
login | registrati

Ultima iscrizione, Morena G.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti
63
25
17
148
11
64
16
22
7
4
2
355
195
57
25
21
29
9
81
25
21
148
353
5
25
3
5
2
102
6
9
20
12
12
38
53
114
2
18

Agosto 2022
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Alberto Albonetti in data 13/12/2016
I libri
letto 8531 volte in 5 anni 8 mesi e 2 giorni (4,13)
LE GINOCCHIA SUI CECI - il nuovo romanzo di Alberto Albonetti

 

Il San Giustino è un prestigioso istituto scolastico paritario bolognese frequentato dai figli delle famiglie più ricche della città. Quando Luisa, direttrice della scuola, decide di scardinare lo status quo che attanaglia l’istituto affidando una classe della primaria ad Oscar Volta, un giovane insegnante dai metodi fuori dall'ordinario, niente all'interno della scuola sarà più come prima. Attraverso l’appoggio incodizionato di Anna, la sua determinata ed ambiziosa fidanzata, Oscar porterà avanti la sua didattica alternativa anche grazie all’aiuto di Luciano, un senza tetto abile disegnatore che, all'insaputa di tutti, è legato misteriosamente al San Giustino. Intanto il maestro Giorgio, ormai stanco e demotivato nel portare avanti il suo mestiere, viene nominato a sorpresa vicedirettore da Luisa e quella promozione rappresenterà per lui l'occasione per riemergere dall’anonimato in cui da tempo si sente prigioniero. Per evitare che i metodi non convezionali di Oscar lo mettano però in cattiva luce, Giorgio farà di tutto per allontanarlo dal San Giustino, fino al punto di mettere a repentaglio la sopravvivenza dell'istituto.

Il susseguirsi di eventi inaspettati farà emergere i contraddittori rapporti che oggi legano la scuola alle famiglie, nonché le Istituzioni alla società civile. Stimolati dai metodi di Oscar, i quattro protagonisti, Luisa, Anna, Luciano e Giorgio, saranno costretti a fare i conti con il loro passato, oltre che a riscoprire, ritrovando sé stessi, per quali ragioni è davvero importante vivere.

 

“La vita si dipana lungo un segmento e non lungo una retta, la vita ha un inizio ed una fine e sta a ciascuno di noi tracciare virtuosamente la distanza che unisce quei due limiti"

 

 

 

Alberto Albonetti nato a Forlì nel 1980 è impiegato amministrativo presso la vicepresidenza di Forlì della Scuola di Scienze Politche dell’Università degli studi di Bologna. "Le ginocchia sui ceci" è il suo secondo romanzo. Nel 2010 pubblica "Trenta e lode" (Aquacalda editore) che ottiene nel 2011 il premio di merito al concorso letterario internazionale "Città di Cattolica". 

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2022
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su