17/07/2019 | 2074 articoli | 1473 commenti | 862 utenti iscritti | 5609 immagini | 22759905
login | registrati

Ultima iscrizione, Monia R.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Luglio 2019
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Gilberto Giorgetti in data 07/08/2006
Personaggi
letto 6298 volte in 12 anni 11 mesi e 17 giorni (1,33)
Renato Baldani (1884-1944) - pittore e scrittore
Renato Baldani era nato il 18 gennaio 1884. Figlio di Settimio, possidente terriero in Vecchiazzano, e di Caterina Bellonci, insegnante elementare. All’età di circa venticinque anni, quand’era laureando in storia dell’arte col prof. Adolfo Venturi, conobbe a Roma Laura Filippini. Renato Baldani e Laura Filippini si sposarono e dal loro matrimonio, il 22 aprile 1916, nacque una figlia, alla quale misero nome Caterina Silvana, chiamata Rirì.
Baldani, romagnolo autentico, scettico, repubblicano e riservato, aveva un animo sensibile ed artistico. In una lapide, nella tomba del cimitero di Vecchiazzano, la moglie Laura lo ricorda così:

Renato Baldani / tolto improvvisamente all’affetto dei suoi / il primo giugno 1944 / gentile poeta e fine scrittore / appassionato pittore paesista / cultore profondo di scienza / e filosofia / intendentissimo di musica / insegnò / nelle scuole superiori / infondendo ai discepoli / l’amore delle cose più elevate / dell’arte e della bellezza / spirò serenamente come visse / da tutti stimato / e rimpianto.

Renato Baldani, infatti, aveva frequentato un corso pittorico di nudo all’Accademia, ma il suo destino doveva essere quello di scrittore. Aveva frequentato, per tre anni, Carducci a Bologna ed aveva assimilato una certa affinità col mondo poetico di Pascoli e di D’Annunzio, che Baldani aveva rivissuto attraverso la decadente sensibilità di Guido Gozzano. Queste influenze facevano di lui un poeta d’ispirazione crepuscolare, con lo sguardo rivolto alla sua Romagna, respinta ed accarezzata.
Come romanziere scrisse nel 1913 “La donna della finestra” e nel 1914 alcuni racconti, fra i quali “La vita fittizia di città e di libri”, dove l’autore s’identifica in Silvano Arsendi. Inoltre, nel 1916, pubblicò il volumetto “I giorni di Silvano”, Studio Editoriale Lombardo, Milano.
Baldani fu amante della natura e cercò di fissarne alcuni aspetti negli scritti “L’intelligence des fleurs”, le numerose “Vies”, dedicato agli insetti, e “Trésor des humbles”. Infine, nel 1930 pubblicò “Il ritorno”.
Fu profondo conoscitore della letteratura francese e critico d’arte antica.
Interessante rimane tuttora lo studio che fece sulla pittura bolognese del sec. XIV, edito dalla R. Deputazione di Storia Patria, Bologna, 1908.
Prima e dopo la guerra del 1915/18, alla quale Baldani partecipò come volontario e ricevette una medaglia al Valor Militare, si recò a Roma dove insegnò lettere, scrisse, dipinse, frequentò circoli, ebbe amici importanti e si occupò anche di cinema. Nel 1920 scrisse la sceneggiatura di un film che piacque molto a Vera Vergani e fu realizzato con Nerio Bernardi e la regia di Mario Camerini. Il film che ebbe un buon successo s’intitolava “Il filo di Arianna”.
Legato in modo morboso alla sua terra e, in particolare, a Vecchiazzano, dove la madre volle essere sepolta, Renato Baldani tornò da Roma nel 1925 per vivere nella sua casa di campagna fino alla morte. Così scriveva mentre osservava la campagna circostante: “E da ogni campo, nel suo sangue, s’alzava il canto dei ricordi antichi, suonavano i richiami della sua vita prima, radicata alla sua terra, accomunata alle opere dei contadini…Nel breve giardino i pochi fiori delle aiuole si perdevano nell’abbrucciante chiarità del sole. Ma la capannina di rose, offrendo un rifugio azzurro raccontava: d’aprile i lillà, le peonie, le giunchiglie. Di maggio un trionfo! Tutti i rosai ed i giaggioli per la callaia, tutto fresco, tutto nuovo…Ma quant’è facile comporsi un universo, ed amare, anche, tutto il genere umano, dall’alto di un colle, soli felicemente in contemplazione, mentre cala una sera dolce d’estate…”.

(PER RENATO BALDANI SI CHIEDE L’INTESTAZIONE DI UNA STRADA)

Nella foto - Renato Baldani (disegno a penna di G. Giorgetti)


fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su