19/09/2020 | 2163 articoli | 1504 commenti | 886 utenti iscritti | 5904 immagini | 25980354
login | registrati

Ultima iscrizione, Roberto C.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Settembre 2020
L M M G V S D
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

- - - - - - -

Articolo inserito da Gilberto Giorgetti in data 06/08/2006
Ciclismo
letto 7756 volte in 14 anni 1 mesi e 18 giorni (1,5)
Carlo Brusaporci
Carlo Brusaporci è nato a Forlì il 18 dicembre 1932. Risiedeva a Vecchiazzano quando, nel 1949, iniziò a correre in bicicletta nella Società Sportiva Sammartinese per passare, subito dopo, alla Società S.C.A.T. di Forlì dove corse, come allievo, assieme ad Ercole Baldini fino al 1950, anno in cui passò dilettante. In qualità di dilettante, Brusaporci corse con la Società Forlimpopolese, assieme ad Arnaldo Pampianco, con la quale vinse numerose gare su strada ed ottenne ottimi piazzamenti come passista e velocista.
Carlo Brusaporci primeggiò soprattutto nelle gare su pista, dove collezionò numerosissime vittorie. A Vecchiazzano aveva molti tifosi, che lo seguivano ovunque durante le gare ciclistiche.
Verso la fine degli anni ‘50, per una momentanea sofferenza muscolare, sospese gli allenamenti e, in seguito, smise di correre.

Nella foto - Da sinistra: in prima fila Tonino Paganelli (detto Fuscêl), Nereo Malpezzi (detto Ca’ Biénca), Carlo Brusaporci, Novello Boschi, Cesare Guardigli, Marino Magnani (detto Filén) in ultima fila seminascosto, Scardoli (detto Pisùga) corrispondente dello “Stadio”, Sergio Ravaioli (detto Piscin ad Macalé), Dino Tassinari e Bruno Montanari (detto Butàz).






Nella foto – 11 ottobre 1953 Carlo Brusaporci in testa al gruppo affronta la curva che da via Veclezio conduce alla via Castel Latino, percorrendo il circuito per Massa e S. Lorenzo.
(Foto concesse da Carlo Brusaporci)

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da Monica Tassinari in data 12/02/2010 20:45:47
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=83&i=798

Vorrei ringraziare tanto chi ha condiviso la fotografia dei ragazzi accalcati per vedere la gara ciclistica, come si faceva in quegli anni. Lo ringrazio di avermi permesso di conoscere una immagine del mio carissimo nonno, Dino Tassinari, in mezzo ai suoi compagni di allora.

Grazie di cuore.

Monica




commenta questo articolo
PENCIL ©
Copyright 2006-2020
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su