22/09/2020 | 2164 articoli | 1504 commenti | 886 utenti iscritti | 5910 immagini | 26017734
login | registrati

Ultima iscrizione, Roberto C.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Settembre 2020
L M M G V S D
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

- - - - - - -

Articolo inserito da Gilberto Giorgetti in data 06/08/2006
Personaggi
letto 8489 volte in 14 anni 1 mesi e 21 giorni (1,64)
Arrigo Sansovini, detto Righetto (1917-2002)
Arrigo Sansovini è nato a Forlì il 10 marzo 1917. Iniziò a lavorare nel 1926, all’età di 9 anni, come apprendista tappezziere nel negozio dell’anarchico Galba Giusti, il quale aveva la bottega a Forlì, in via Bruni al n°3. Sansovini rimase con Galba fino al 1935, anno in cui andò a lavorare coi tappezzieri Bertaccini & Bartoletti, in via Valzania. Il 24 maggio 1938 partì militare e venne trasferito, prima ad Udine e poi a Trieste. Finita la guerra, nel 1946, Righetto si mise in società con Silverio Spazzoli, in qualità di materassaio e di tappezziere, e affittò un locale nel Palazzo di Giustizia, che allora era rimasto incompiuto. Quando ripresero i lavori di completamento del Palazzo di Giustizia, Sansovini & Spazzoli trasferirono la loro sede in un negozio di via Leone Cobelli. Nel 1953, i due tappezzieri formarono una nuova società, alla quale aderì anche Cioscano Garavini, detto Galli. Nello stesso anno, però, la società si sciolse ed ognuno continuò a lavorare in proprio.
Arrigo Sansovini e Silverio Spazzoli, con ditte separate, pensarono di produrre industrialmente dei salotti. Infatti, furono fra i primi in Italia a proporsi come industriali del “mobile imbottito”. Nelle loro fabbriche, in seguito, si formarono coloro che diventarono i maggiori operatori in questo settore.
Morì il 13 ottobre del 2002.


fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2020
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su