21/10/2019 | 2091 articoli | 1474 commenti | 869 utenti iscritti | 5638 immagini | 23415480
login | registrati

Ultima iscrizione, GUALTIERO G.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Ottobre 2019
L M M G V S D
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Ruggero Ridolfi in data 01/11/2008
Info a Vecchiazzano
letto 4214 volte in 10 anni 11 mesi e 26 giorni (1,05)
Il caso diossina

Il medico e le sfide ambientali

Il "CASO" diossina

incontro e pubblico dibattito

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da Ruggero Ridolfi in data 16/11/2008 20:45:46

Caro Direttore,

 

            Stiamo vivendo un momento di grave sofferenza della Politica che si è mossa negli ultimi decenni sempre più al servizio del potere economico e non al servizio dell’uomo. Lo vediamo nel grave disagio che vive la Politica in USA, lo vediamo in Europa  ed in Italia dove non si trova accordo per salvaguardare l’ambiente neppure a lungo termine, perché l’Economia  appare più importante. Lo vediamo anche localmente, dove gli stessi che protestano per il comportamento del governo centrale nei confronti del poco rispetto per l’ambiente, agiscono nello stesso modo anteponendo alla tutela della salute dei cittadini gli interessi economici che possono derivare dal business  legato alla gestione dei servizi essenziali (acqua , gas, smaltimento rifiuti).

            In questo clima di disagio della Politica, le Associazioni WWF Forlì, ISDE (Medici per L’ambiente), AIL (Ass contro le Leucemie) ed Italia Nostra sez Forlì, intendono affrontare con un pubblico incontro un tema “simbolo”  come quello della Diossina: un inquinante, cancerogeno, del quale si devono temere fortemente gli effetti sulla salute.

            E’ una sostanza altamente stabile, che non è presente in natura se non per eventi rari (emissione da vulcani o incendi di foreste) e che ci ritroviamo ora, da circa 30-40 anni, in misura sempre più crescente nell’ambiente e nei cibi. Il lunghissimo tempo di permanenza, una volta entrata nell’organismo, fa temere soprattutto per quanto riguarda la salute delle nuove generazioni.

            Ne parleranno 5 medici al Salone Comunale di Forlì, mercoledì 19 Novembre 2008 alle ore 20,30. Sono stati invitati per spiegare quali sono i timori legati allo spandersi nell’ambiente di questa molecola. Non è volontà di creare allarmismo, ma un doveroso modo di informare di un potenziale pericolo, verso il quale le autorità politiche e gli amministratori, responsabili in prima persona della salute dei cittadini, dovrebbero prestare attenzione.

            Usiamo le parole di Lorenzo Tomatis, di cui ricorre ora il primo anniversario della scomparsa e che fu invitato ad un’audizione purtroppo “inascoltata” nel presso il Consiglio Comunale di Forlì 3 anni fa, per concludere questa lettera aperta: “Adottare il principio di precauzione e quello di responsabilità significa anche accettare: - il dovere di informare; -impedire l’occultamento di informazioni su possibili rischi per la salute; - evitare che si continui a considerare l’intera specie umana come un insieme di cavie…”.  A tutti va l’invito di affrontare senza pregiudizi le problematiche che possono riguardare la salute, con la consapevolezza che solo conoscendo un rischio ci si può porre nelle condizioni di evitarlo.

            Grazie per l’attenzione

 

           

Forlì, 12 Novembre 2008                                           Per le Associazioni Organizzatrici:

                                                                                  Dr Stefano Gotti

                                                                                  Vice Presidente di Italia Nostra sez di Forlì

           

                                                                                  Dr. Ing. Alberto Conti

                                                                                   Presidente WWF-Sez. di Forlì

 




Commento inserito da Claudia Lombardi in data 03/12/2008 20:45:46

Per chi è interessato, una dispensina riassuntiva dei problemi legati alle diossine è disponibile presso il Comitato di quartiere, negli orari di apertura al pubblico (il primo martedì del mese dalle 20.30 alle 21.00)




commenta questo articolo
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su