02/07/2020 | 2156 articoli | 1501 commenti | 885 utenti iscritti | 5878 immagini | 25130732
login | registrati

Ultima iscrizione, Gaetano  F.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Luglio 2020
L M M G V S D
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Claudia Lombardi in data 26/04/2008
I libri
letto 7305 volte in 12 anni 2 mesi e 10 giorni (1,64)
Racconto della "buonanotte"
"Ecco qualcosa su cui vale la pena di riflettere: camminando sull'Appalachian Trail, io e Katz in venti minuti percorrevamo più strada di quanto un americano medio ne percorra in una settimana. Gli americani usano la macchina per il 93 per cento dei viaggi che compiono al di fuori della propria casa. E' semplicemente ridicolo. Ricordo che quando io e mia moglie decidemmo di trasferirci negli Stati Uniti una delle nostre esigenze era quella di poter vivere in una piccola città dove i negozi, l'ufficio postale e la biblioteca fossero raggiungibili a piedi. Scegliemmo Hanover, nel New Hampshire, perchè aveva proprio queste caratteristiche. E' una graziosa cittadina universitaria, con strade residenziali ampie e ombreggiate, un grande parco, un viale principale caratteristico. Praticamente tutti abitano a due passi dal centro, e tuttavia nessuno si sogna di girare a piedi. C'è un mio vicino che prende la macchina per andare sul posto di lavoro che si trova a ottocento metri di distanza. Conosco una donna - perfettamente sana e in forma - che va in macchina a prendere il figlio a casa di un amico, a un centinaio di metri di distanza. All'uscita di scuola praticamente tutti i bambini (tranne quattro ragazzini pestiferi dall'accento inglese) vengono prelevati e portati in macchina fino a case che distano dalle poche centinaia di metri al chilometro (quelli che abitano più lontano prendono l'autobus). Non appena compiono i sedici anni, quasi tutti i ragazzi possiedono la propria macchina. Anche questo è oltremodo ridicolo. Mediamente la distanza che un americano percorre a piedi in una settimana - dalla macchina all'ufficio, dall'ufficio alla macchina, in giro per i supermercati e per i centri commerciali - raggiunge i due chilometri, ossia neppure trecento metri al giorno.
Per lo meno ad Hanover camminare è ancora possibile. In molte località americane, infatti, fare il pedone ormai non è un'opzione, neanche volendo."

Non voglio apparire ipocrita inviando questo brano, io, purtroppo, appartengo alla schiera di quelli che la macchina ce l'ha sempre sotto al sedere, ma il mio impegno è quello di cercare di migliorare e di passeggiare di più a piedi o in bicicletta.
Spero di riuscirci.

Il protagonista Bill Bryson e il suo amico Stephen Katz stanno percorrendo l' Appalachian Trail, un sentiero di 3400 km che si snoda attraverso 14 stati americani, dalla Georgia al Maine. Bill Bryson è uno degli scrittori di viaggi più famosi al mondo.
Troverete questo libro in giro in Bookcrossing appena possibile.

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da vecchiazzano. it in data 27/04/2008 20:45:45
Cara Claudia, ti ricordo che questo sito è nato per far conoscere "Vecchiazzano" in tutta la sua storia, come descrive la home page:

"Vecchiazzano visto e descritto da chi ci vive e non solo.
Potrai scrivere e pubblicare tutto ciò che vuoi, rispondere o commentare,
far sapere ai tuoi compaesani e ai visitatori del sito:
dalla storia del paese agli aneddoti più divertenti, dai consigli alle critiche..."


Commento inserito da Claudia Lombardi in data 27/04/2008 20:45:45
Ho inserito questo brano perchè si è parlato spesso di traffico (vedi rilevatore automatico della velocità) e parcheggi davanti alla scuola qui di Vecchiazzano (vedi anche rotonda).. leggendo questo pezzo ho pensato che tanti problemi si potrebbero risolvere facendo uno sforzo in più e 2 passi a piedi.. mi spiace, non volevo essere "fuori tema" ma solo far riflettere un pochino...


commenta questo articolo
Articoli con il medesimo argomento
inserito da William Bucci in data 17/12/2007 12 commenti "Cosa non piace del paese"
letto 10033 volte
Si voleva dissuadere tutti i "velocisti" di Vecchiazzano, ma si è speso denaro per nulla!!!! Ora vorrei sapere quanto denaro NOSTRO se ne è andato per ergere quella specie di rivelatore "ADDORMENTATO" posto in una posizione assurda con funzionamento a PANNELLI SOLARI, quando ci ...

inserito da Gabriele Zelli in data 05/02/2008 1 commento "Info a Vecchiazzano"
letto 6615 volte
Da diversi giorni a questa parte il rilevatore di velocità posto all’inizio di via Castel Latino funziona in modo permanente. È stato tagliato un ramo di un albero posto nell’area privata limitrofa che impediva all’accumulatore di assorbire l’energia solare necessaria perché l’apparecchio continuass...

PENCIL ©
Copyright 2006-2020
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su