25/03/2019 | 2050 articoli | 1469 commenti | 856 utenti iscritti | 5532 immagini | 21957854
login | registrati

Ultima iscrizione, Roberto E.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Marzo 2019
L M M G V S D
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Roberto Brunelli in data 17/12/2007
Storia
letto 16379 volte in 11 anni 3 mesi e 11 giorni (3,98)
L´Ospedale diventa museo per un itinerario nella memoria - "I beni della salute
“I beni della salute. Il patrimonio dell’Azienda sanitaria di Forlì”

Presentato il percorso espositivo realizzato all´interno del Morgagni-Pierantoni a Forlì: un progetto di valorizzazione del patrimonio storico e artistico dell´Azienda Usl che comprende anche il trasferimento di alcune opere dal vecchio ospedale cittadino, ora destinato al campus universitario. Con la realizzazione di questo progetto si intende consolidare l’idea di un ospedale visto come parte integrante della città e sostenere il principio che attraverso la salvaguardia del patrimonio artistico la presa in carico del paziente viene considerata nella totalità della persona.

Forlì, 9 ottobre 2006 - Un itinerario nella memoria attraverso il recupero delle opere d´arte. L’Azienda Usl di Forlì ha realizzato un percorso culturale all´interno dell´Ospedale Morgagni-Pierantoni, che intende essere di valorizzazione del patrimonio storico e artistico dell´Azienda sanitaria e che comprende anche il trasferimento di alcune opere dall’ex ospedale “Morgagni”, destinato al Campus Universitario della città.
Si tratta di un ulteriore sviluppo dell´intensa attività di conoscenza e prima valorizzazione del proprio patrimonio culturale che l´Azienda Usl ha compiuto con la collaborazione della Regione Emilia-Romagna e ha raccolto nel volume I beni della salute. Il patrimonio dell’Azienda sanitaria di Forlì”, edito dalla Casa Editrice Motta Editore di Milano e a cura di Mariacristina Gori e Ulisse Tramonti.

L´iniziativa è stata presentata nel corso del convegno Il recupero delle opere d’arte contemporanea dal vecchio ospedale Morgagni al nuovo Ospedale Morgagni-Pierantoni - Un itinerario culturale sul filo della memoria per pazienti e cittadini, che ha avuto luogo nella Sala “Pieratelli” dell’ospedale di Forlì, con la partecipazione dell’assessore regionale alle politiche per la salute, Giovanni Bissoni.

L´esposizione all´interno dell´ospedale: i padiglioni Allende e Morgagni
Il primo nucleo di questo itinerario ha sede nel Padiglione “Allende” dove è possibile ammirare, nella cappella del Centro sanatoriale anche le opere di Giovanni Marchini. L’esposizione si sviluppa nell’atrio del Padiglione “G.B. Morgagni”, ove sono presenti le opere di Carlo Zauli, Guido Baldini e Vittorio D’Augusta, e nel parco, dove sono state posizionate le sculture di Morri, Cinciarini, Neri e Pompili.
Il percorso, inteso già nella sua progettazione come non definitivo ed in itinere, prevederà un ulteriore sviluppo, soprattutto nel settore delle attrezzature medico- scientifiche e del repertorio librario, legato anche a personaggi e figure di grande rilievo per la storia della medicina, quali, ad esempio Giovanbattista Morgagni e Girolamo Mercuriale. Grazie a questa esposizione verranno valorizzati anche il parco dell’ospedale, patrimonio culturale che comprende un raro albero ibrido, ed ambienti storici del vecchio Centro sanatoriale, quali alcuni locali adibiti a cabina per proiezioni cinematografiche. Una guida illustrativa accompagnerà visitatori e pazienti nel percorso artistico.

Consolidare l´idea di ospedale parte integrante della città
Con la realizzazione di tale progetto si intende consolidare l’idea di un ospedale visto come parte integrante della città, in un rapporto dialettico con le istituzioni culturali, scolastiche e il mondo dell’associazionismo locale.
Nonostante il tragico incidente in cui qualche giorno fa ha perso la vita Mariacristina Gori, curatrice dell’esposizione assieme ad Andrea Emiliani, la direzione generale dell’Azienda Usl di Forlì ha confermato tale iniziativa nella convinzione di interpretare la volontà della scomparsa e di ricordarne degnamente l’opera.
Presenti anche il sindaco di Forlì, Nadia Masini, e il direttore generale dell’Azienda Usl, Claudio Mazzoni. Tra i relatori Andrea Emiliani, che ha curato il coordinamento scientifico generale dell’iniziativa, Isabella Cervetti, restauratrice, e Giuliana Cortese, della Panstudio architetti associati di Bologna.
Durante il convegno è stato proiettato il filmato realizzato sui restauri a cui è seguita una visita guidata alle opere.
Tutti gli interventi hanno sottolineato l’importanza della salvaguardia del patrimonio artistico come un valore aggiunto all’opera della sanità, che conferma come la presa in carico del paziente viene considerata nella totalità della persona umana. L’arte è una risorsa ulteriore alla comprensione dell’importanza dell’umanizzazione del rapporto medico/paziente. Il malato infatti può fruire dei beni artistici trasferiti al nuovo ospedale e rendersi conto di come il perfezionamento tecnologico e l’eccellenza delle strutture sanitarie viaggiano di pari passo con l’attenzione al gusto culturale e alla spiritualità





Nella foto sopra AUGUSTO NERI (Meldola 1929) "Ritratto di Luigi Pierantoni" del 1988, bronzo 55 X 26 X 33, Iscrizione:"A Luigi Pierantoni Medico e Patriota Antifascista - Fosse Ardeatine 24/3/1944"
Sotto una scultura contemporanea nel parco dell’Ospedale “Morgagni-Pierantoni” di Forlì: si tratta di un bronzo realizzato nel 1967 dall’artista riminese Elio Morri (1913-1992) con il titolo La prevenzione degli infortuni sul lavoro (centimetri 280x200x60). L’opera fa parte di un articolato percorso storico-artistico inserito all’interno dell’area ospedaliera con due obiettivi strettamente legati tra loro: valorizzare il vasto patrimonio culturale dell’Azienda sanitaria di Forlì e mettere a disposizione di tutti coloro che attraversano questo luogo di cura un’opportunità di avvicinarsi alla bellezza dell’arte.











Nella foto sopra CARLO ZAULI (Faenza 1926-2002) "La Storia della Chirurgia" 1966-1967, grès bianco, 150 X 300 cm - 2 pannelli, Forlì Ospedale Morgagni-Pierantoni, padiglione Morgagni.
Nella foto sotto GUIDO BALDINI (Rimini 1933-1999) "Il dono della vista" (particolare), gesso patinato, 150 X 596 cm., firmato e datato in basso a destra : "G. Baldini 1967", Forlì Ospedale Morgagni - Pierantoni, padiglione Morgagni









Nella foto sopra GIOVANNI MARCHINI (Forlì 1877-1946) "Invocazione al Signore", nella foto sotto "Lode al Signore", entrambi i pannelli sono ad olio su tela, cm 194 X 240 ciascuno, Forlì Ospedale Morgagni-Pierantoni, Padiglione Allende, Chiesa.





Nella foto sotto GIUSEPPE CASALINI (Faenza 1886-Forlì 1957) bozzetto per "La Madre" (1940), gesso patinato 109 X 72 X 18 cm, firmato e datato " Casalini 1940 ", Forlì Ospedale Morgagni-Pierantoni, padiglione Vallisneri.









Nella foto sopra GRAZIANO POMPILI (Fiume 1943) "Maternità", pietra di Vicenza, 80 X 65 X 125 cm, Forlì Ospedale Morgagni-Pierantoni.
Nella foto sotto GIANNI CINCIARINI (Pesaro 1943) "Pulsazioni" del 1975, lastra di rame cesellato, 88 X 95 cm, Forlì Ospedale Morgagni-Pierantoni.




Nella foto sotto VITTORIO D'AUGUSTA (Fiume 1937) "Le stagioni, ceramica policroma 150 X 600 cm., Forlì Opedale Morgagni-Pierantoni, padiglione Morgagni.

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da Roberto Brunelli in data 25/01/2008 20:45:45




I Beni della Salute

Casa editrice Motta


Commento inserito da Ortenzio Brunelli in data 16/02/2008 20:45:45
La collezione dell’ Azienda U.S.L. di Forlì, "I beni della salute", il percorso espositivo realizzato all´interno dell’ Ospedale Morgagni-Pierantoni, si arricchisce con una nuova interessante scultura opera del giovane scultore forlivese Matteo Lucca. Lo rende noto un comunicato stampa dell’ Azienda stessa. E’ stato infatti inaugurato il “Monumento al Donatore di Sangue”. All’allestimento, che di certo non lascia i visitatori indifferenti, ultima delle iniziative poste in essere per il 70° dell’Avis di Forlì, ha contribuito Romagna Acque Società delle Fonti S.p.A. di Forlì. A loro e a tutto il Consiglio Direttivo dell’Avis Comunale che si è anche preoccupato di reperirne i fondi necessari, che hanno consentito la realizzazione dell’ opera, vanno l’apprezzamento e il ringraziamento del Direttore Generale dell’Ausl di Forlì Claudio Mazzoni e dell’amministrazione comunale di Forlì.





Commento inserito da Gabriella Cortini in data 30/06/2008 20:45:45

Piantina del percorso storico-artistico nell'area ospedaliera "G.B. Morgagni-L. Pierantoni".




Commento inserito da Dario Lauterio in data 10/12/2009 20:45:47

Ho riletto l'articolo delle opere d'arte presenti nei Padiglioni dell'ex Sanatorio Morgagni di Vecchiazzano.

Innanzitutto mi piacerebbe avere una copia del volume edito o l'indirizzo della Casa Editrice che l'ha pubblicato.

Inoltre suggerisco...perchè non raccogliere anche i documenti,miscellanea,lettere,foto,articoli,altri materiali che hanno fatto la storia degli istituti Morgagni? Materiali offerti magari dagli ex ricoverati...ne esistono ancora tantissimi sparmi per lo più nel centro sud.

Salutissimi D.L.




Commento inserito da Roberto Brunelli in data 21/05/2010 20:45:47
Visita guidata al parco dell'Ospedale Morgagni - Pierantoni

 

Giovedì 3 giugno 2010 ore 20,00

Saverio SIMEONE e Gabriele ZELLI condurranno la Visita guidata organizzata dai Quartieri San Martino in Strada, Vecchiazzano e Ca' Ossi, saranno presenti Katia Zattoni Ass. al Decentramento e Partecipazione del Comune di Forlì e Giulio Marabini Presidente Circoscrizione nr 2

I cittadini  interessati  a conoscere il percorso artistico all'interno del parco dell'ospedale e il  suo patrimonio botanico sono invitati a partecipare.




Commento inserito da Dario Lauterio in data 21/05/2010 20:45:47

Buon giorno mi dispiace tantissimo non poter essere presente alla visita guidata alla scoperta delle numerosissime opere d'arte presenti nel complesso ospedaliero Morgagni di Vecchiazzano.

Poichè stiamo organizzando un raduno di ex Morgagni per luglio sicuramente avremo la possibilità di conoscere e riconoscere le opere d'arte presenti.

E'possibile ricevere il catalogo pubblicato con la raccolta delle opere d'arte presenti?Vi richiedo informazioni per l'acquisto del volume.

Saluti D.Lauterio




Commento inserito da Dario Lauterio in data 21/05/2010 20:45:47

Mi riallaccio al commento precedente per chiedere lumi...visto che se ne parla pochissimo e addirittura da mesi la cosa sembra sia stata posta nel dimenticatoio...sul restauro del famoso monumento funerario che i Vecchiazzanesi hanno  da sempre ribattezzato ...LA PIETA'.!

Saluti D.Lauterio




commenta questo articolo
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su