26/03/2019 | 2051 articoli | 1470 commenti | 856 utenti iscritti | 5533 immagini | 21971143
login | registrati

Ultima iscrizione, Roberto E.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Marzo 2019
L M M G V S D
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Franco Casadei in data 05/12/2007
Presepio di Vecchiazzano
letto 6170 volte in 11 anni 3 mesi e 24 giorni (1,49)
Presepe animato tematico

Il presepe della Chiesa di Vecchiazzano, che viene realizzato ormai da circa 15 anni, è visitato ogni anno da diverse migliaia di persone provenienti anche da fuori provincia ( circa 25.000 nell’ultima edizione). La caratteristica fondamentale di questo presepe è di essere un “ DIORAMA ORIENTALE ANIMATO”: infatti la rappresentazione è in stile orientale, cioè i costumi, le case e l’ambientazione cercano di rappresentare il più fedelmente possibile la Palestina di 2000 anni fa. Il presepe è costruito totalmente in gesso e le circa 40 statue meccaniche che ogni anno vengono inserite, hanno la particolarità di animarsi in perfetta sincronia, tramite un programma computerizzato, con la storia raccontata da una voce fuori campo.

A differenza dello scorso anno, in cui il presepe era stato realizzato con la tecnica del filmato, quest’anno la realizzazione torna ad essere, come è ormai il suo stile, completamente meccanizzata.

Infatti le statue vengono animate da circa un centinaio di motorini, timer, relè elettrici, micro-interruttori e le scene vengono sostituite e spostate mediante l’utilizzo di pistoni ad aria compressa, montacarichi e pannelli girevoli. Un vero e proprio “ piccolo film” o meglio dire una vera e propria Catechesi, con una scenografia che si avvale di suggestivi effetti di luce, suoni, musica e commento biblico: ogni anno, infatti, viene rappresentato un momento diverso della nascita di Gesù.

Il tema della rappresentazione del Presepe cambia ogni anno:
2002: ”La Grotta, l’Adorazione, il Battesimo“.
2003: ”La mangiatoia... il Sepolcro“.
2004: ”In cammino verso Gesù“. Solo chi non teme di mettersi in viaggio come i Magi, guidati dalla stella, può incontrare Gesù e la vera gioia
2005: "E il verbo si è fatto carne... ma è sempre in pericolo"
2006: "una FAMIGLIA tra le famiglie"

Il tema della rappresentazione del PRESEPE 2007 è :
“Non temere di accogliere con te Maria e Gesù! La figura di Giuseppe, sposo di Maria”

Quest’anno nel Presepio fissiamo lo sguardo sulla figura di Giuseppe, sposo di Maria, padre adottivo di Gesù. Egli aveva un progetto semplice per la sua vita: sposarsi e creare una famiglia. Dio sembra rivoluzionare i suoi progetti con la maternità di Maria, egli vorrebbe farsi da parte ma Dio gli propone un’altra strada: accogliere Maria.

La durata dell’intero ciclo del racconto è di circa 10 minuti. Tutto il Presepe è realizzato da Francesco Guidi, Marino Saragoni, Franco Casadei.

Anche quest’anno, durante la visita, sarà possibile acquistare i DVD ( realizzati al computer) contenenti i filmati degli allestimenti del presepe dal 2000 in poi, con i temi e le storie raccontate in questi ultimi anni, con il backstage delle realizzazioni dei movimenti meccanici delle scenografie.

Tutte le offerte realizzate con il presepe saranno devolute, anche quest’anno, ad una casa-famiglia per bambini abbandonati in Messico, dove opera Suor Gianfranca Casadei, missionaria originaria di Vecchiazzano.

Il Presepe sarà visitabile dal 25 dicembre 2007 fino al 03 febbraio 2008 nei seguenti orari:
festivi 9.00 / 11.00 - 14.30 / 19.00
feriali 10.00 / 12.00 - 14.30 / 18.00

Per qualsiasi informazione telefonare a :
0543 83290 Franco
0543 85466 Don Vittorio ( Parrocchia di Vecchiazzano)

Per qualsiasi informazione è possibile contattare via e-mail il responsabile del presepio Sig. Franco Casadei al seguente indirizzo franco.casadei@tin.it

Come raggiungere Vecchiazzano?
Vecchiazzano, immediatamente ai bordi della città di Forlì, si raggiunge seguendo le indicazioni che da Forlì portano all’Ospedale Pierantoni verso Castrocaro Terme.

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su