20/09/2020 | 2164 articoli | 1504 commenti | 886 utenti iscritti | 5910 immagini | 25988710
login | registrati

Ultima iscrizione, Roberto C.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Settembre 2020
L M M G V S D
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

- - - - - - -

Articolo inserito da Maurizio Ricci in data 03/08/2007
Ciclismo
letto 6891 volte in 13 anni 1 mesi e 22 giorni (1,44)
Il 3° G.P. Outsider per Giovanissimi: un inno al ciclismo!
Uno degli scopi di genesi del Team Outsider, era quello di rappresentare una “nuova energia” per il ciclismo locale. In questi anni il sodalizio ha risposto con fedeltà, riuscendo ad unire le frontiere del pedale cicloturistico ed amatoriale, alla speranza che viene da chi, in tenera età, s’avvicina alla bicicletta e prova a viverla come uno sport, ed un momento di sogni.
Domenica otto luglio 2007, a Vecchiazzano, ne abbiamo una riprova stupenda, significativa, pronta a dimostrare come il ciclismo sia qualcosa di molto diverso dalla copia grigia, tinta di quella devianza tanto stuzzicante le penne del risaputo e dell’acritico, presenti in troppi giornali. La bicicletta è viva, raduna masse, sa essere momento di festa e sa unire ogni generazione.
Sulla spinta del patrocinio del Team Outsider e l’organizzazione tecnica della Società Ciclistica “Pantani Corse” di Forlì, sono così giunti, sul circuito vecchiazzanese, per il 3° Gran Premio Outsider, 220 giovanissimi, provenienti dalle tre province romagnole, dall’Emilia e persino dalla Lombardia. Ne è uscita una festa che ha coinvolto oltre settecento persone, che hanno sfoggiato, attorno alle pedalate di questi che possiamo ancora considerare a tutti gli effetti bambini, oltre agli applausi per tutti, una coreografia fatta di gazebo, colori, sorrisi, strette di mano, ed un calore aggiuntivo al tanto tangibile di stagione.
Enormi i valori ludici, altrettanto corposi i significati di un apprendistato capace finalmente di unire, senza partigianerie ed egoismi, il ciclismo del dopolavoro, al sogno del Giro d’Italia o di una Roubaix. Un inno al ciclismo di cui dobbiamo avere consapevolezza, che fa poesia o semplicemente tendenza, che va giustamente reclamizzato per irrorare la speranza di vederne moltiplicati gli aloni e che fa urlare, a vecchi cantori come chi scrive, quanto sia giusta ed illuminante la via che Luigi Barilari e il Team Outsider, per primi, hanno aperto.
Non sono questi gli spazi per raccontare o dare spago alle risultanze agonistiche prodotte dai 220 protagonisti. Il successo del primo è il successo dell’ultimo, si tratta, come detto, di un apprendistato che va salutato nell’insieme. Una sola eccezione si rende d’obbligo, senza urtare la linea ludica di queste poche righe, proprio perché siamo in Vecchiazzano, un tempo base quotidiana del Team Alfa Lum RSM, sodalizio storico di vertice del pedale femminile. Fra quelle biciclettine ne è emersa una, che ci ha fatto ricordare le campionesse un tempo presenti nella frazione e che sembra davvero avviata ad una carriera di un certo segno nel ciclismo: la riminese Cinzia Mazzotti. Ha vinto doppiando praticamente tutte, si sa che è capace di battere anche i maschietti e quando va in pista, termometro valido come nessuno quando si è in fase di crescita, mostra un coraggio fuori dal comune. Tra l’altro è ancora bambina, nel pieno dei suoi undici anni, senza quegli anticipi fisici tanto presenti fra i giovanissimi. L’esperienza polidisciplinare di chi scrive, evidenzia quanto il talento si possa vedere anche fra i confondenti dello sviluppo e l’aleatorio dell’età. In questa bambina di sangue blu se ne trova a iosa... e chissà che nell’averlo scritto, non si anticipi un domani... dove Cinzia sfreccia sulle strade di Vecchiazzano con una bella maglia bianco-rossa...
Ma i veri significati del 3° GP Outsider, stanno nelle foto che seguono...















Il papà di Marco Pantani premia i giovani ciclisti a Vecchiazzano.












fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da Roberto Gori in data 04/08/2007 20:45:45
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=380&i=111
Un applauso al mitico Luigi, al Team Outsiders e a tutti i ragazzini che hanno corso.


commenta questo articolo
PENCIL ©
Copyright 2006-2020
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su