25/05/2019 | 2071 articoli | 1473 commenti | 860 utenti iscritti | 5609 immagini | 22362044
login | registrati

Ultima iscrizione, Monica C.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Maggio 2019
L M M G V S D
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Gabriele Zelli in data 16/05/2007
Storia
letto 6132 volte in 12 anni 0 mesi e 12 giorni (1,4)
LA SIBA ‘D LADEN
LA SIBA ‘D LADEN

Quând ch’u i passeva tra la strê impurbiêda
E u i era sol ‘na ca’ da cuntadén,
cla zona l’era tânta melfamêda
che al dòal la scansêva cum’e’ vlén.

Andêj d’ vleva di’ l’ëssar bulêda.
l’era ‘na grân fadìga “fê’ de bèn”.
Par cla mentalitê piotòst malêda,
com’un frânc-bol timbrê : Siba ‘d Ladén !

Insoma l’era e’ giêval in parsôna
cla Siba tra Avciazâ e Castrichêra,
pinsê’ ch’l’era l’avânz ‘d un bosc tànt bel !

adëss, non piò! E l’è ‘na còsa bôna…
u n’sarvess piò ne e’ bosc ne la calêra.
Da stê’gnascòst, difati, ac bsogn a j ël???

Arrigo Casamurata


LA SELVA DI LADINO

Quando vi ci passava nel mezzo la strada polverosa
Ed esisteva solo una casa da contadino,
quella zona era così malfamata
che le donne la scansavano come il veleno.
Andarci significava essere bollata.
Sarebbe stato difficile poi finire bene.
Per la mentalità di allora piuttosto malata,
come una affrancatura: Selva di Ladino!
Insomma, era il diavolo in persona
quella selva tra Vecchiazzano e Castrocaro,
pensare che era il residuo di un meraviglioso bosco!
Ora, non più! Ed è cosa buona…
Non serve più né il bosco né il sentiero.
Di stare nascosti, infatti, che bisogno c’è???

Arrigo Casamurata

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su