10/08/2020 | 2160 articoli | 1501 commenti | 885 utenti iscritti | 5891 immagini | 25502331
login | registrati

Ultima iscrizione, Gaetano  F.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Agosto 2020
L M M G V S D
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

- - - - - - -

Articolo inserito da Gabriele Zelli in data 14/04/2020
Il paese
letto 278 volte in 3 mesi e 28 giorni (2,36)
Il bosco, anzi la selva di Ladino, oggi

A breve distanza dalla Pieve di Ladino troviamo un antico bosco, che tutti i forlivesi chiamano “la selva di Ladino”, con un chiaro rimando alla fisionomia di un tempo della zona caratterizzata da una vasta estensione boschiva molto fitta e intricata.
Nel terzo volume dedicato da Pietro Zangheri alla “Romagna Fitogeografia”, sono riportate ampie informazioni sui boschi del territorio forlivese: Ladino, Monda, Farazzano e Scardavilla. Scrive Zangheri: “Nella prima carta topografica a grande scala della Romagna, pubblicata verso la metà dell’Ottocento, questi boschi avevano estensioni assai superiori a quelli dei primi decenni del ‘900, quando io cominciai a percorrerli”.

Nelle cronache vi sono accenni a questi boschi che servivano spesso da nascondiglio ai malandrini. Poi, a poco a poco, dovettero cedere sotto la scure per l’espandersi della coltivazione intensiva. Durante la guerra 1915-1918 subirono un grave colpo, ma fu l’ultimo periodo bellico ad annientarli quasi completamente. “Per la bassa Romagna – continua ancora lo Zangheri – trattando sempre di questa particolare fascia, si tratta ormai di un ambiente trapassato, ogni nota di questa vegetazione basale appenninica è scomparsa, e la fascia che la ospita ha assunto, quasi dovunque, l’aspetto consueto della campagna coltivata. Ma in un passato non lontano, il viandante che saliva le prime pendici appenniniche non poteva fare a meno di notare il prevalere delle boscaglie fra la vegetazione del nastro marginale della collina, compreso fra i 40-50 metri di altitudine (alta pianura) e i 100 metri o poco più…”.

Occorre riportare anche le considerazioni che Pietro Zangheri faceva a proposito della salvaguardia dei relitti boschivi presenti sul territorio: “Chi abbatte una scure sopra una vecchia boscaglia… non pensa che può commettere un atto riprovevole… E purtroppo, prima che si crei questa coscienza, forse la maggior parte delle boscaglie relitte ancora esistenti in pianura e in collina, sarà distrutta. Chi può pensare, oggi, a salvare quel poco che, senza danno per l’agricoltura, potrebbe rimanere come riserva protetta di vegetazione spontanea? Riserve che, anche se prive di particolari bellezze, sono pur sempre dei monumenti naturali che offrono allo studioso materiale prezioso per la soluzione di problemi importanti e per indagini svariate”.

Per quanto riguarda il territorio forlivese si registrò un’inversione di tendenza quando nel 1989, chi scrive, in qualità di Assessore al Patrimonio, concluse per conto del Comune le trattative per l’acquisto del Bosco di Ladino e di una consistente fascia di terreno circostante, utilizzato per ampliare l’area boschiva, per complessivi 10 ettari circa. Nel contempo, sia Forlì sia Meldola, adottarono azioni di tutela per quello di Scardavilla e furono avviati i progetti per la realizzazione dei parchi del Fiume Montone e del Fiume Ronco che, pur fra alterne vicende, sono stati terminati o stanno andando avanti.

Gabriele Zelli

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
Articoli con il medesimo argomento
inserito da Gabriele Zelli in data 14/04/2020 "Il paese"
letto 321 volte
leggi articolo Il nostro territorio offre tantissimi luoghi suggestivi, spesso sconosciuti ai più e poco frequentati. Agli amanti del paesaggio, delle lunghe passeggiate e a tutti coloro che sono attenti al patrimonio storico, culturale e architettonico delle nostre zone, consiglio di recarsi a Ladino, la...

inserito da Gabriele Zelli in data 17/04/2020 "Il paese"
letto 376 volte
leggi articolo Dopo aver descritto la zona di Ladino con la Pieve, la villa Paulucci e il bosco invitando, passata l’emergenza Coronavirus, a farne una meta sia per lo straordinario fascino che emana sia per l’importanza storica e naturalistica. Nello scritto che segue si prenderà in considera...

PENCIL ©
Copyright 2006-2020
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su