25/08/2019 | 2078 articoli | 1474 commenti | 864 utenti iscritti | 5611 immagini | 23046621
login | registrati

Ultima iscrizione, Gabriele B.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Agosto 2019
L M M G V S D
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Gilberto Giorgetti in data 31/08/2006
Ridiamoci su
letto 7875 volte in 12 anni 12 mesi e 2 giorni (1,66)
Poteva essere veramente un dramma
Dopo il 1947, quando iniziò la demolizione di una parte della vecchia chiesa per dare spazio alla nuova canonica, don Biagio ricavò nell’area della chiesa stessa un piccolo teatro. Questo aveva il palco dove prima c’era l’ingresso dell’edificio di culto e dietro le quinte, sul muro nord, erano ben visibili i resti dell’affresco murale che lo scultore Bernardino Boifava aveva tentato invano di riportare alla luce (v. quando i ricordi si fanno storia – quarta parte).
Una scaletta in legno dal corridoio della nuova canonica portava sul palco di legno. Sotto il palco un ripostiglio e la legnaia coperti da un grande pannello di faesite verso la platea. Nella ribalta la buca del suggeritore dominava il centro del boccascena.
Eravamo verso la fine degli anni Cinquanta e quella sera il teatro era stracolmo di gente perché si replicava “La belva”, un dramma che riscosse successo dove Iselmo recitava la parte del protagonista, quella del vecchio padre.
La commedia volgeva al termine e la scena si presentava semibuia; Iselmo era seduto al tavolo, quasi a ridosso della ribalta e recitava un sentito e commovente monologo; la platea era in silenzio e qualche signora si asciugava le lacrime, quando l’interprete, con uno scatto di rabbia (previsto dal copione), si alzò dalla sedia e spinse fortemente il tavolo, che sollevandosi si ribaltò nello spigolo estremo della faesite precipitando col pannello stesso nella platea, sfiorando i piedi degli spettatori in prima fila.
Dopo qualche attimo di giustificata apprensione rimase vivo agli occhi di tutti il ricordo del retro-schiena del suggeritore, quello di Loris seduto in una sedia in mezzo alla legnaia.

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su