21/02/2019 | 2041 articoli | 1469 commenti | 855 utenti iscritti | 5438 immagini | 21661578
login | registrati

Ultima iscrizione, Maria Antonietta F.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Febbraio 2019
L M M G V S D
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728

- - - - - - -

Articolo inserito da Gilberto Giorgetti in data 31/08/2006
Ridiamoci su
letto 7325 volte in 12 anni 5 mesi e 27 giorni (1,61)
Quel vino che schiariva di continuo
Era stata un’ottima vendemmia e quell’anno il vino venne veramente buono, con un bel colore rubino e corposo.
Dopo la svinatura, come ogni anno, don Biagio mise le damigiane lungo il corridoio che ancora unisce la canonica, il vecchio teatro, la sala del bigliardo e la sacrestia.
Tutte le sere noi c’incontravamo nel vecchio teatro o nella sala ricreativa, dove c’erano il bigliardo e la televisione; sta di fatto che le damigiane erano sempre li in bella vista e a portata di mano.
Una sera Iselmo pensò di versare un po’ di vino per assaggiarlo e la cosa fu gradita a tutti.
Era veramente buono! Ma rimaneva un vuoto nella damigiana che doveva essere colmato con dell’acqua. Così fu.
La sera dopo si pensò di assaggiare il contenuto di un’altra damigiana e così in poco tempo si passarono tutte le damigiane e poi si riprese da capo.
Il travaso durò per alcuni mesi e alla fine, mentre una sera si conversava con don Biagio, il reverendo tutto dispiaciuto disse:
Non capisco, quest’anno il vino che ho messo nelle damigiane schiarisce di continuo…

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su