17/07/2019 | 2074 articoli | 1473 commenti | 862 utenti iscritti | 5609 immagini | 22759892
login | registrati

Ultima iscrizione, Monia R.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Luglio 2019
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

- - - - - - -

Articolo inserito da Gilberto Giorgetti in data 12/08/2006
Personaggi
letto 10561 volte in 12 anni 11 mesi e 12 giorni (2,24)
Nevio Piolanti, detto Scalèta (1917-2006)
Nevio Piolanti, nato a Forlì il 3 gennaio 1917 risiedeva a Vecchiazzano in via Castel Latino al n°109. Era ancora un bambino quando Piolanti andò a lezione di sax dal m° Giuseppe Tesei, detto Fafin. Così, a 12 anni andò a suonare, per due anni, con l’orchestra di Guglielmo Fiori di Vecchiazzano. Nell’orchestra “Fiori” con Nevio Piolanti suonavano rispettivamente al bengio e al clarino, Diego Ravaioli di Vecchiazzano, detto ‘e Murêt, e Ado Ravaioli di S. Martino in Strada, detto Gabriël.
Nevio Piolanti, a soli 14 anni, abbandonò l’orchestra “Fiori” per andare a lavorare presso la “Società Fumisti”, in via Maceri a Forlì, dove imparò a fabbricare le stufe in terracotta. A 20 anni, Piolanti riprese a suonare nell’orchestra “Gino Berardi” in qualità di saxofonista, dove rimase per circa 14 anni.
Nevio è deceduto nel dicembre del 2006.

Nella foto – In alto a sinistra col sax Nevio Piolanti di Vecchiazzano:
Quando Piolanti era soldato in Albania fece parte di un complesso musicale militare.
In questa foto, scattata nell’agosto del 1941, alcuni soldati si divertono facendo delle gags.
(Foto concessa da Ido Erani)


fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
commenta questo articolo
Non ci sono commenti su questo articolo, inseriscilo tu.
PENCIL ©
Copyright 2006-2019
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su