20/09/2020 | 2164 articoli | 1504 commenti | 886 utenti iscritti | 5910 immagini | 25988673
login | registrati

Ultima iscrizione, Roberto C.

Ultimi e i più Cliccati
Argomenti

Settembre 2020
L M M G V S D
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

- - - - - - -

Articolo inserito da Daniele Sughi in data 14/08/2010
Ciclismo
letto 9019 volte in 10 anni 1 mesi e 10 giorni (2,44)
Castrocaro-Lourdes in bici, è iniziata l'avventura, ore 07,30 del 14-08-10

 

La mattinata è nuvolosa, il morale è a mille. Prima tappa 135 Km.

Che siano monti o che sia mare l'importante è pedalare.

In bocca al lupo RAGAZZIIIIIIIIII....................

fai conoscere questo articolo ad un amico


Commenti
 
Commento inserito da Gilberto Cappucci in data 14/08/2010 20:11:16
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=908

Ragazzi teneteci aggiornati delle vostre tappe,fateci partecipi alle vostre fatiche,ed emozioni.




Commento inserito da Daniele Sughi in data 17/08/2010 20:46:00
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=909

17-08-10  Ormai sono al confine......CUNEO......evitata quasi completamente la pioggia......




Commento inserito da Gilberto Cappucci in data 19/08/2010 22:22:48
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=910

Tenete duro,e sopratutto non dimenticate di tenerci informati sugli avvenimenti della giornata.




Commento inserito da Daniele Sughi in data 20/08/2010 22:16:01
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=911

Sono arrivati ad ARLES (Francia), percorsi circa 850 Km. Dalle ultime notizie sembra che tutto stia andando per il meglio. Forza RAGAZZIIIIIII........vi siamo moralmente vicini.




Commento inserito da Daniele Sughi in data 21/08/2010 21:22:25
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=912

I nostri temerari amici sono arrivati ad AGDE vicino a Montpellier. Per il momento tutto procede benissimo. Mancano 360 Km circa, con arrivo previsto mercoledì.........BRAVISSIMIIIIIIIIIII.............




Commento inserito da Daniele Sughi in data 25/08/2010 16:30:19
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=913

 

Ore 13,02 del 25-08-10 dopo 12 giorni e quasi 1370 Km i nostri amici sono arrivati a Lourdes, meta della loro fatica. Penso di poter esprimere il parere di tutta la Società del Vecchiazzano, di quanti li conoscono e di quanti avevano avanzato dubbi (me compreso Embarassed), sulla riuscita di questa avventura dicendo:

GRANDISSIMIIIIIIIIII........ Complimenti, complimenti, complimenti, complimenti Smile.

A presto.....................




Commento inserito da Gilberto Cappucci in data 26/08/2010 23:23:41
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=914

Complimenti per la vostra determinazione,siete arrivati alla vostra meta.Quando rientrerete nella vostra Vecchiazzano,ricordatevi di informarci della vostra avventura pubblicando le vostre tappe fino alla meta.Sono certo che altre persone sono interessate ad imitarvi.




Commento inserito da Ferdinando Benevento in data 27/08/2010 22:21:31
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=915

complimenti. Quanto mi sarebbe piaciuto essere con voi!




Commento inserito da Roberto Gori in data 30/08/2010 15:26:20
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=917

Finalmente siamo tornati, è stata una bellissima e indimenticabile esperienza. Temavamo che fosse più dura, ma alla fine siamo riusciti ad arrivare a Lourdes nemmeno troppo stanchi. Tante persone, tanti paesini e città e tanti paesaggi visti in questi 12 giorni fantastici. Il meteo, tutto sommato, è stato nel complesso abbastanza buono, avremmo firmato alla partenza per trovare queste condizioni atmosferiche. Un ringraziamento ai membri del Vecchiazzano che quasi tutti i giorni si interessavano all'esito del nostro viaggio/pellegrinaggio mandandoci sms. Grazie!!! 

Quando ho tempo posterò sul sito anche il diario di viaggio.




Commento inserito da Gilberto Cappucci in data 04/09/2010 15:07:40
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=921

Aspettiamo con ansia la pubblicazione del diario di viaggio da Castrocaro a Lurdes.




Commento inserito da Elio Fiorini in data 06/09/2010 16:37:40
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=923

Anche la stampa locale da pubblicato l'impresa dei quattro ciclisti del S.C. Vecchiazzano

Clicca per ingrandire

Da La Voce di Romagna del 3 settembre 2010

Clicca per ingrandire

Da Il Corriere di Forlì




Commento inserito da Roberto Gori in data 06/09/2010 17:03:50
Link-commento: www.vecchiazzano.it/p.asp?p=1066&i=924

Sabato 14 agosto: LAMBRUSCO E POP CORN: Dopo settimane e settimane di duro impegno a delineare il percorso e le varie tappe, fotocopiare le mappe, preparare i pettorali personalizzati del pellegrinaggio, finalmente si parte per questa lunga sfacchinata fino a Lourdes. Mio babbo è alla guida del camper per la giornata di oggi, ma fino a Castel Bolognese non siamo solo in tre a pedalare. Anche i miei compagni di squadra ci assistono e ci fanno compagnia per questi primi 30 Km. Inizialmente non piove, ma il cielo è coperto e in mezzo a un’umida e fredda nebbiolina sembra più di pedalare in una grigia giornata di novembre piuttosto che di agosto. Visto il meteo non ottimale, a Castel San Pietro modifichiamo l’itinerario previsto e anziché transitare per Medicina, Budrio e Nonantola, preferiamo piuttosto passare per il centro di Bologna in modo da ridurre la tappa di una decina di chilometri. Scelta azzeccata visto che a Bologna il traffico è scarsissimo, quello che rende spezzettata la pedalata sono i continui semafori. Purtroppo nei pressi di Castelfranco Emilia inizia a cadere una pioggia leggera, ma ormai manca davvero poco per arrivare al camping di Marzaglia, nella periferia ovest di Modena. Nel pomeriggio si scatena un autentico nubifragio, ma ormai questa prima tappa è in cassaforte e per festeggiare non rinunciamo a un buon bicchiere di Lambrusco in compagnia. In tutto 128 Km.

Domenica 15 agosto: NEL CUORE ROSSO DELL’EMILIA: In questa giornata finalmente serena il turno prevede la mia guida al camper. Nonostante sia uno scalatore mi sarebbe piaciuto pedalare in questa tappa, tutta concentrata nel cuore della pianura emiliana, terra rossa, terra di grandi cantautori, terra di salumi, terra del Grana Padano e del Parmigiano Reggiano. Peccato avere percorso con il camper la tangenziale di Parma, avrei voluto anche dare solo un’occhiata veloce agli stupendi monumenti della città ducale. Poco dopo Fiorenzuola una deviazione di 20 Km verso la pedemontana piacentina dove è ubicato il campeggio. San Damiano di San Giorgio Piacentino, guarda caso anche in questa località è avvenuta in passato un’apparizione mariana. In tutto 116 Km per mio babbo, Mauro e Gabriele.

Lunedì 16 agosto: TRA CASTELLI E VIGNETI ARRIVO NEL MONFERRATO:  Giornata serena e con temperatura gradevole. Si pedala vicino ai famosi castelli piacentini (fra cui Grazzano Visconti è quello maggiormente conosciuto). Dopo un po’ di confusione nel trovare la strada giusta nei pressi di Piacenza, finalmente imbocchiamo la statale verso Voghera. Sulla sinistra si alzano le splendide colline ricche di vigneti dell’Oltrepo pavese. Il tratto di strada nella regione della Lombardia passa velocemente e pedalato di buona lena. In poco tempo si è già in Piemonte. Finale un po’ “nervoso” e ricco di saliscendi per arrivare al campeggio di Valmadonna, in mezzo alle colline del Monferrato. Per ritemprarmi dalla fatica mi sono mangiato un abbondante etto e mezzo di tagliatelle al ragù per cena. In tutto 137 Km.

Martedì 17 agosto: VOLLI VOLLI FORTISSIMAMENTE VOLLI: Mai titolo di questa tappa è più appropriato. Si passa per le terre di Asti, patria del famoso scrittore Vittorio Alfieri. Ma si addice anche al mio caso, alla mia caparbietà, alla mia voglia fortissima di pedalare. L’arrivo previsto per oggi era a Cuneo, ma mi sentivo bene di gambe e a tutti i costi volevo proseguire oltre. Giornata ancora serena, ma inizialmente molto frizzante e umida. Una breve salita di 1 Km al 10% per arrivare ad Azzano (e soprattutto per evitare di passare per il centro di Asti) e poi via verso Alba e la Provincia Granda. Dalle dolci colline del Monferrato si passa pian piano a quelle più alte e ripide delle Langhe. La strada purtroppo è molto trafficata di camion, ma nonostante tutto non perdiamo la voglia di pedalare. Il tratto in leggera e costante salita da Fossano a Cuneo fa più selezione del previsto e comincia a emergere la stanchezza. Ma nonostante tutto non mi tiro indietro e decido di proseguire fino al camping di Demonte, paese della campionessa Stefania Belmondo. Finalmente al posto del monotono paesaggio della Pianura Padana posso godermi una bella vista delle Alpi piemontesi. Ormai la Francia è vicinissima. In tutto 160 Km.

Mercoledì 18 agosto: ARRIVEDERCI ITALIA, BONJOUR FRANCE: Come si può capire dal titolo il tema saliente della giornata è il fatidico e atteso superamento del confine. Colle della Maddalena, salita lunga, trampolino di lancio nel 1949 per la più grande impresa del Campionissimo Fausto Coppi. Partenza subito in salita fin dai primi chilometri dopo il campeggio di Demonte, ma fortunatamente la pendenza all’inizio è molto leggera. Quando la strada verso il Colle della Maddalena inizia a farsi più ripida, non resisto alla mia natura da scalatore e saluto la compagnia. Come Pantani mi piace andare forte in salita per abbreviare la mia agonia, ma in questa giornata di agonia non c’è proprio nulla, solo tanta meraviglia e ammirazione per gli stupendi scorci e paesaggi che regalano le montagne e per il risuonare dei fischi delle marmotte. In cima al passo tira un terso vento freddo e nella discesa bisogna stare più attenti del previsto perché certe folate improvvise rendono difficile condurre la bici. Il vento non accenna a calare anche nella vallata dell’Ubaye e anche nei tratti “mangia e bevi” tendenti a scendere bisogna spingere sui pedali più del previsto. Forse il momento più difficile da quando sono partito, nemmeno in discesa ci si riesce a riposare e a rilassare ma è più uno stress e una paranoia mentale piuttosto che una stanchezza fisica. Tanto che sull’ultima salita di giornata (circa 5 Km al 6% medio) prima di arrivare al campeggio ho ancora la gamba sufficientemente fresca per non patire più di tanto la strada all’insù. Cena abbondante con due etti di spaghetti aglio e olio in un bel campeggio situato sulla riva dello stupendo lago Serre-Poncon. In tutto 111 Km.   

Giovedì 19 agosto: POESIA FRANCO-PROVENZALE: Dopo tre giornate consecutive di pedalata, nella tappa di oggi sono delegato alla guida al camper. Tutto sommato a livello altimetrico la tappa, fino a 10 Km dalla fine, non è assolutamente impegnativa, nella quale si alternano numerosi tratti in discesa a lunghissimi rettilinei larghi e perfettamente pianeggianti. Temevo una tappa estremamente monotona dal punto di vista paesaggistico, ma invece la Provenza ha regalato scorci fantastici da pura poesia. Da una stupenda visuale in lontananza della massiccia mole del Mont Ventoux e della sua famosissima cima “pelata” si è passati alla carinissima cittadina di Sisteron (sede più volte di partenza e arrivi di tappa al Tour de France), dominata dalla falesia rocciosa della Baume. Ma la vera sorpresa è stata nei dintorni di Peyruis quando sono apparsi piramidi di roccia che ricordavano tantissimo i camini delle fate della Cappadocia. A 10 Km dalla fine, inizia una leggera e costante salita verso il paese di Forcalquier, in cima a una collina. Questa cittadina per certi versi assomiglia molto a Bertinoro, sovrastata anch’essa da una rocca e piena di strette viuzze in ripida ascesa. Alla fine si decide di fare la sosta qui per poterla visitare. Giornata molto calda: ai 500 m di quota di Forcalquier faceva quasi 35°C. In tutto 112 Km per mio babbo, Mauro e Gabriele.

Venerdì 20 agosto: PIOVE, MADONNA COME PIOVE: Attorno alle 3 di notte su Forcalquier inizia a scatenarsi un violentissimo temporale con pioggia torrenziale fino quasi alle 9 di mattina. Questo posticipa di qualche ora la partenza, ma ugualmente decidiamo di arrivare fino ad Arles come avevamo previsto nei giorni scorsi. Nei primi 40 Km fino ad Apt il cielo è ancora molto coperto e la strada completamente fradicia, ma nel frattempo ci gustiamo la verde e boscosa catena montuosa del Luberon (uno dei principali Parchi francesi). Con il passare dei chilometri il cielo tende ad aprirsi e a risplendere un caldo sole. Dalle montagne si passa a dolci collinette con estese coltivazioni di zucchini e campi di lavanda. Gli ultimi 15 Km prima di arrivare ad Arles sono un lunghissimo e larghissimo rettilineo monotono e interminabile, in mezzo a immensi campi di girasoli. Per Arles, città di Van Gogh e Gauguin, ci facciamo una visita pomeridiana. Essa è nota per il suo anfiteatro romano, in cui si disputano continuamente le corride. In tutto 122 Km.

Sabato 21 agosto: SOTTO IL LIVELLO DEL MARE: Giornata caldissima già all’alba ad Arles. La tappa prevede il passaggio per la Camargue, l’immensa zona di delta creata dal fiume Rodano, molto somigliante alle nostre Valli di Comacchio. Addirittura la Camargue si trova a una quota inferiore al livello del mare (in alcuni punti anche a -10 m). Negli interminabili prati è possibile trovare mandrie di cavalli che brucano l’erba; nelle lagune perfino i fenicotteri rosa. La strada è bella larga fino a La Grande Motte. Nella tappa che arrivava a questa località nel Tour de France 2009, Lance Armstrong attaccò il compagno di squadra Alberto Contador, generando la scintilla per la rivalità ciclistica più celebre degli ultimi anni. Noi fortunatamente preferiamo non attaccarci a vicenda, ma rimanere sempre il più possibile vicini e uniti, dato anche l’elevato traffico del litorale costiero. Purtroppo alcuni tratti addirittura sono vietati al transito delle biciclette in quanto superstrade a 4 corsie, per cui decidiamo di caricare le bici in camper per raggiungere la località prefissata ossia Marsillean Plage, affollata cittadina di mare vicino Agde. Scelta tutto sommato giusta, in quanto la zona di Montpellier e Sete, oltre a diversi tratti di superstrada, era trafficata all’inverosimile e non valeva la pena rischiare. Per ritemprarmi dalla fatica mi sono mangiato un immenso pentolone di moules (cozze) per pranzo e un etto e mezzo di spaghetti alla carbonara per cena. In tutto 59 Km in bici fino a La Grande Motte, poi 55 Km di trasferimento in camper.

Domenica 22 agosto: VENTO DI PONENTE: Partenza molto mattutina per evitare il traffico dei turisti che vanno al mare. Breve occhiata da fuori alla chiesa di Beziers, così come ad altre chiese (che sembrano quasi dei castelli) lungo il tragitto. Dal tipico paesaggio costiero si passa a quello collinare ricco di vigneti. Sui crinali delle colline sono parecchio diffuse pale eoliche per poter sfruttare l’energia del vento. Infatti in quella zona frequentemente soffia il vento proveniente dall’Atlantico che passa attraverso “la porta di Carcassonne”. Ma fortunatamente non troviamo un vento eccessivo e neppure contrario alla nostra direzione di marcia. Durante una breve sosta incontriamo un vecchietto di 79 anni. Anche lui sta andando a Lourdes. A piedi!!! Complimenti!!! Arrivati a Carcassonne ci concediamo una visita alla bellissima città medievale. Più che il vento, è il caldo il protagonista di questa giornata, dato che la temperatura segnava 36°C. In tutto 111 Km.

Lunedì 23 agosto: PIRENEI ALL'ORIZZONTE: Per la terza e ultima volta ho il turno di guida al camper. Si incomincia a salire leggermente per la pedemontana pirenaica, che ricorda in maniera impressionante la pedemontana appenninica romagnola. Unica differenza: sterminati campi di girasoli. Proseguendo per la strada si affaccia sempre più all'orizzonte la catena montuosa pirenaica che via via prende il posto delle colline. Si arriva a Foix, dominata da un bel castello. A pochi chilometri da Foix si trova l'imbocco dell'impegnativa salita di Plateau de Beille, tradizione vuole che chi vince questo arrivo in salita al Tour de France, poi porta la maglia gialla a Parigi (Pantani 1998, Armstrong 2002 e 2004; Contador 2007). Ma anche se mi piacerebbe affrontarla preferisco concedermi un po' di relax in vista delle ultime due tappe. In tutto 82 Km per mio babbo, Mauro e Gabriele.  

Martedì 24 agosto: TAPPA BAGNATA, TAPPA (S)FORTUNATA: Pioggerellina fine e leggera all’alba, ma alla fine decidiamo di partire ugualmente; in fondo non viene giù il diluvio universale e la voglia di arrivare ormai è troppa…manca talmente poco che di fare un giorno di riposo non ne ha voglia nessuno. Il profilo altimetrico è simile a quello di una classica delle Ardenne come Freccia Vallone e Liegi: tantissimi saliscendi, diverse “cote”e veramente pochissimi i tratti pianeggianti. Dai campi di girasoli della giornata di ieri si passa a diffusissime coltivazioni di granturco e pascoli di mucche. Lungo la strada incontro un bellissimo esemplare di Pastore di Montagna dei Pirenei, il cane per eccellenza di questa zona. Questo mi riporta alla mente “Belle e Sebastien”, uno dei miei cartoni preferiti d’infanzia. Purtroppo le nuvole basse impediscono una bella visuale della catena pirenaica. Si passa vicino al Portet d’Aspet dove purtroppo nel Tour del 1995 perse la vita il povero Fabio Casartelli. A 20 Km da Saint Gaudens, dove abbiamo previsto di fermarci, la pioggia inizia ad aumentare d’intensità, rendendo scivolosissimo il manto stradale. Passando sopra un tombino, Mauro perde l’aderenza e vola per terra. Fortunatamente non andava forte e se l’è cavata solo con qualche leggera sbucciatura. In tutto 97 Km.

Mercoledì 25 agosto: AVE MARIA GRATIA PLENA: Primi chilometri di questa ultima, attesissima, desiderata e sospirata tappa finale in mezzo a un nebbione degno della Pianura Padana nei giorni di novembre. Ma i raggi del sole fanno presto a bucare la coltre nebbiosa e a far schizzare subito il caldo alle stelle. Ovviamente fra di noi si respira un’atmosfera “da ultimo giorno di scuola” e a rendere magnifico il paesaggio ci pensano finalmente le montagne dei Pirenei, con le cime più alte leggermente spruzzate dalla neve e ben distinguibile fra esse la caratteristica vetta del Pic du Midi. Ma comunque non è una tappa da sottovalutare nonostante sia abbastanza breve rispetto alle altre. Come nel giorno precedente tanti saliscendi e pochissima pianura, ma più che “cote” in alcuni casi siamo quasi di fronte a veri e propri Gran Premi della Montagna. La salita più dura, che precedeva il paese di Bagneres de Bigorre, era infatti lunga 7 Km al 5% medio con diversi tratti anche al 10%. Si pedala vicino ai più famosi passi pirenaici. Proprio a Bagneres de Bigorre ci fu l’ultima vittoria di Riccardo Riccò nel Tour 2008 prima della squalifica, che anticipò il gruppo dei migliori con un bell’attacco lungo la salita dell’Aspin. Gli ultimi 20 Km sono praticamente una passerella finale, con i saliscendi che vengono letteralmente “piallati” talmente è l’entusiasmo e la voglia di arrivare. Come mi ero ripromesso negli ultimi chilometri mi sono legato al collo e alle spalle la bandiera arcobaleno, per onorare Maria, Regina della Pace. In tutto 79 Km. Mai Lourdes mi è sembrata così bella come in questo giorno. Usuale passaggio alla Grotta di Massabielle, dove nel 1858 Nostra Signora di Lourdes apparve alla pastorella Bernadette Soubirous, e recita dei 5 Misteri Gloriosi del Rosario, come prevede il mercoledì. Ma i momenti più toccanti sono stati l’ingresso al Salus Infirmorum, dove per 2 anni consecutivi avevo svolto servizio come barelliere Unitalsi, e la Processione Aux Flambeaux la sera. Questa splendida, meravigliosa e indimenticabile esperienza è giunta al termine.




commenta questo articolo
Articoli con il medesimo argomento
inserito da Roberto Gori in data 23/04/2010 "Ciclismo"
letto 7637 volte
Castrocaro Terme - Lourdes  IN BICICLETTA dal 16 al 31 agosto 2010 Cerco autista per il mio camper (spesato) Gori Maurizio (Sc Vecchiazzano)  0543-766384; 347 9497473...

PENCIL ©
Copyright 2006-2020
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
 
     
torna su